Toro scatenato

Il post vuole, sin da subito, far luce sul tetramorfo lucano che lo rappresenta come il bue dei Vangeli, quando noi avevamo già data una chiave di lettura che fa riferimento alla sua forza intellettuale facendone un Sansone neo testamentario perché non è più la Legge e la sua forza, ma l’amore e la sua logica in gioco.

Tuttavia rimane aperta una questione: perché proprio il bue? Di per sé sinonimo di forza è vero, ma non crediamo che la simbologia biblica lo abbia mutuato tout court, crediamo, invece, che il simbolo sia ricco e il suo significato questa volta davvero più alto.

Sulle prime stenterete a credermi, ma vi prego di seguirmi fino alla conclusione perché anche il Vangelo intima a Pietro di seguirLo e lo fa proprio laddove nasce il post, cioè al capitolo 21, ma al versetto 21-22 per un 21,21, però, che a noi ha suscitato un vivo interesse perché è la croce (σαυρος) che ha un valore ghematrico di 777 a riprova, tra l’altro, che veramente “croce” è σαυρος e non σταυρός.

Gv 21,21, quindi, è 777 e 777 per un totale di 1454 (777×777=1454) che se riportato a un calendario biblico è il 1454 a.C., quando noi diciamo essere rientrato Mosè in Egitto per la sua sfida al faraone. Dunque non rimane che vedere se al capitolo 21 versetto 21 di Esodo c’è qualcosa d’interessante per il post e infatti li leggiamo una nota cronologica legata alle percosse allo schiavo il quale, se sopravvive un giorno o due, manda impunito il padrone.

A noi, oltre che la figura di schiavo che vedremo essere essa stessa importante, ha colpito quei due al massimo giorni, perché siamo nell’anno ebraico 35/36 d.C. al momento della pesca miracolosa che avviene l’anno stesso della crocefissione e nei giorni seguenti la resurrezione.

Ma in questi giorni turbolenti il blog colloca la relazione che giunge a Roma sui fatti gerosolomitani e quella relazione fu il Vangelo di Luca, tanto che noi lo abbiamo scritto chiaro che la pesca miracolosa è sulle sponde del Tevere, perché quei grossi pesci giovannei sono l’establishment romano perché la teofania che segue la morte di Gesù conquista una città che aveva avuto nei suoi soldati e nel suo governatore (Pilato) testimoni oculari che “veramente costui era il figlio di Dio” (Mt 27,54).

Quella relazione, sebbene ricevuta nel 35 d.C., è ovvio che dovette essere metabolizzata da Roma e questo processo richiese tempo, almeno un anno cosicché nel 36 d.C. si poté dire: ” Roma capta”. Dunque se al versetto 21,21 si parla di Mosè, potrebbe essere che anche al versetto 21,36 si faccia lo stesso, nel senso che se è stato illuminante il 21 altrettanto può esserlo il versetto 36 del capitolo 21 di Esodo che non a caso ci parla del bue e dei suoi danni (davvero tanti, come vedremo), in ogni caso di un bue, quello stesso che il tetramorfo indica essere Luca, quello che conquistò Roma ed ecco la ragione profonda del tetramorfo lucano: un bue che fa riferimento certamente alla forza, ma più ancora a Mosè e alla sua legge, però al versetto 36 (leggibile anche come 36 d.C.) dello stesso capitolo 21 quello che ha guidato i Padri nella scelta del tetramorfo e di cui erano -ed eravamo- a conoscenza, come erano a conoscenza, crediamo, di quanto sinora scritto dal blog in proposito.

Adesso non rimane che unire le due cose, cioè i versetti Gv 21,21, la cui logica sottesa è esposta sopra; ed Es 21,36 (Luca il “toro”) attraverso il versetto 21,21 di Esodo e la sua nota temporale del giorno o al massimo due per comprendere che quando Gesù dice a Pietro “che t’importa se io voglio che lui rimanga fino al mio ritorno?” significa che di lì (36 d.C.) al massimo due anni Gesù sarebbe tornato vincitore e infatti il blog ha già spiegato il suo punto di vista cronologico circa la profezia delle settanta settimane e scritto che essa termina nel 38/39 d.C. alla metà dell’ultima settimana di anni delle settanta profetiche, quando Caligola devasta l’ala del tempio ponendo la sua effigie, in assoluto disprezzo di un intero popolo, quando però, quello stesso popolo, aveva crocefisso, con un processo farsa a cui Pilato cercò in ogni modo di sottrarsi, colui che era “veramente il figlio di Dio”, come testimoniava la teofania.

Dunque quei due giorni al massimo del versetto 21,21 di Esodo partono dal 36 d,C, quando il toro fu scatenato e ferì (coinvolse) Roma con il suo Vangelo, cioè il resoconto ordinato dei fatti che illustrarono il caso, ingiusto, a Tiberio che lasciò a Caligola il compito di vendicarLo, mentre a san Francesco di ricordarLo con il bue e l’asinello nel presepe, cioè Luca e Giovanni, le nostre due colonne, con Giovanni che infatti segue, servo e schiavo, Gesù e Pietro nel capitolo 21 versetto 22, per una sequela da ultimo di gran classe, cioè servo dei servi di Gesù, come il somaro lo è dei poveri.

Capitolo davvero denso il 21 se l’approccio non è scientifico ma sapienziale, l’unico però capace di far man bassa a Roma dove con un bue, tanto erano grossi i pesci, e un asino, tanto era lunga la rete, si calò la nassa di un processo dal pescato che ancora si ricorda.

Tutti al mare

Sai Pietro, ti voglio dedicare un post perché la tua nudità sulle sponde del lago abbia finalmente un senso che non quello alla moda, ma quello di Genesi, dove anche Adamo si “vide nudo”, ma solo dopo aver mangiato il frutto, dopo aver mangiato il fico e non lo fece più il fico.

Quella nudità, quindi, è frutto non del peccato, ma del Peccato, quello originale che ha voluto essere Dio, per cui non a caso solo tu sollevi una questione che si fa Primato, ma essa è solo l’introduzione alla tua Bibbia, quella che ha sfidato Dio falsandola.

Hai fatto in modo che la gente ammirasse il panorama religioso delle divinità a cui tu hai dato pari rango, affinché il denaro, il tuo denaro, fosse l’unico Dio che risponde alle preghiere e alle necessità.

C’è di buono che al Suo ritorno griderai : “Allontanati da me che sono sono peccatore”, cioè riconoscerai non tu, ma quello che la tua Chiesa ha fatto e ti getterai in un mare che non credere di “fresche e dolci acque”, perché è il mare di Apocalisse, cioè Smirne, ergo la Russia ortodossa che la lettera a lei indirizzata infatti giudica povera e tribolata, ma ricca.

Tu, invece, eleggi Laodicea come simbolo non solo della tua inquisizione (spagnola), ma anche del tuo bene essere che non ti manca nulla, ma tu stesso ti vedrai, al Suo ritorno, nudo cieco e raccontaballe.

Sai che io gioco con i versetti e le occorrenze che talvolta danno grandi soddisfazioni perché ti danno anche ragione. E allora ti suggerisco proprio l’occorrenze che ti è propria, cioè quella di “peccatore” (Lc 5,8) che è 46 per dirti che, vedi? ho ragione di Gesù: era un peccatore all’ombra del tempio quando si auto-minacciò di morte nell’impossibilità che altri lo facessero sebbene lo pensassero.

Aveva 46 anni Gesù ed era un peccatore e dunque la Legge, che è anche tua, ne andava di mezzo, sebbene la Giustizia trionfasse.

E’ tutto lì il gioco che si tenne all’ombra del tempio: “Qui crolla tutto! ed è bene che ne muoia uno solo per far salvo Israele” (Gv 11,49-50). Attento, quindi, c’è un precedente, illustre per di più, come c’è un mare per nudisti e come c’è un sito che (h)anomeRC (Ap 17,5) per una Chiesa dalle mille sorprese.

Do svidanija, Piter

Furti d’identità alla scuola del Vangelo

Alla luce del post precedente, l’informazione di Leonardo cronologia è illuminante, non solo in virtù del 153 d.C. che è identico, nella cifra, ai 153 “grossi pesci” del capitolo 21 di Giovanni, ma anche in relazione all’altra notizia che Leonardo dà: il Vaticanus come luogo di pessimo vino.

Invito adesso e caldamente il lettore a rileggersi il post di stamattina per comprendere bene il quadro generale in cui si versa quel pessimo vino, perché sin da subito la memoria avrebbe dovuto guidarmi a Cana, cioè al primo segno di Gesù che è inserito non nei sinottici, ma in Giovanni.

La leggenda, in questo caso, ha elaborato male il nucleo storico conservando la pessima qualità di un vino in luogo dell’acqua trasformata in vino, ma resta il fatto che tutto tradisce il primo segno, tutto rimanda a Giovanni.

Dunque abbiamo che:

il 153 d.C. fa il paio con i 153 grossi pesci

il palindromo evangelico Roma/amoR che è tipico delle Lettere di Giovanni

il vino come primo segno del suo Vangelo

Alla luce di tutto questo, Pietro, sorgono due domande:

Quelle ossa sono le tue o hai preso possesso della tomba?

Che ne è di Atti che mi ha sempre fatto ridere per quella situation comedy d’altissima scuola, perché dopo un gran parlare (At 2,14-41) esclami: “Guardaci!” (At 3,4). Cos’è quel paio che hanno guardato Giovanni e non l’oratore hanno compiuto quel miracolo di cui ti sei anche allora impossessato?

Oggi è un tema scottante il furto d’identità e temo che lo si debba alla tua scuola che per prima ha fatto sì che il discepolo che Gesù amava divenisse il tuo profilo pubblico grazie al quale, forse, sei tu adesso il discepolo che “Gesù amava”.

Un po’ come ne Il gladiatore dove si dice:

“Conoscevo un uomo di sani principi che amava mio padre e che mio padre amava…” ma “quell’uomo non c’è più”: hai fatto bene il tuo mestiere, tombarolo!

La pesca miracolosa sulla riva destra del Tevere

La pesca miracolosa costituisce uno dei passi più noti del Vangelo di Giovanni. Credo che nel corso dei millenni tutte le domande siano state poste e abbiano ricevuta risposta, sebbene sia sfuggito (dimenticato? Censurato?) il senso di quei 153 grossi pesci, senso che noi abbiamo riassunto qui (nel particolare qui)

Sorge, però, una domanda davvero bizzarra se Giovanni conta quei pesci, operazione solo in apparenza inutile nell’economia di un Vangelo che in così poche pagine riassume la vicenda terrena di Gesù di cui si potrebbero scrivere così tanti libri che il mondo non basterebbe a contenerli (Gv 21, 25).

Dunque se l’apostolo non si è lasciato prendere dal capriccio, perché dovremmo farlo noi se ci chiediamo di che specie fossero quei pesci? Infatti, sappiamo che sono grossi, forse veramente grossi, ma non sappiamo che pesci fossero. Erano tutti della medesima specie o di specie diverse?

Noi crediamo che fossero della stessa specie ed erano romani, perché, ovvio, noi in quei “grossi pesci” vediamo un simbolo e non una cattura fine a se stessa. Il significato del simbolo, quindi, non può che essere relativo al rango sociale, culturale e politico dei personaggi irretiti, che erano, appunto, “grossi”.

Ci appare evidente, già sulle prime, che non fossero ebrei, cioè che non i membri del sinedrio si fossero convertiti (di questo si tratta: di una conversione) altrimenti Giovanni lo avrebbe scritto chiaramente tanto era naturale.

Ma la pesca fu eccezionale, cioè assolutamente inaspettata tanto da essere “miracolosa” e dunque il pescato non apparteneva a specie autoctone, erano, insomma, romani; e che lo fossero lo vedremo nel prosieguo, dando a quel 153 del Vangelo e della pesca un’ulteriore senso, altrettanto importante.

Partiamo col ricordare quanto già scritto, anche ieri, che a Gerusalemme, in virtù dello sconvolgimento degli elementi naturali (terremoto, eclissi) a cui avevano assistito i romani dopo la crocefissione, in particolare Pilato la cui parola non poetava essere messa in dubbio, Roma chiese una relazione dei fatti del 35 d.C.

Forse Tiberio in persona volle essere informato e dunque lui, forse, è “l’illustrissimo” del Vangelo lucano. Ma questo segna un fatto epocale, perché chiude l’Antico Testamento, almeno stando alla città simbolo di esso: Gerusalemme, che con la crocefissione del Figlio di Dio non era più la città di Dio, ossia la città di Davide.

Gerusalemme, stando ai nostri Re, sorge come città divina e capitale nel 989 a.C. per cui nel 35 d.C. ha 1024 anni quando noi nel 1025/1024 (datazione doppia) a.C. facciamo nascere Davide (come si veda qui). Questo genera un’identità tra Davide e Gerusalemme che è oltremodo facile comprendere, mentre va sommariamente spiegato che nel 35 d.C., infrangendo l’alleanza con la crocefissione, si apre non solo un’alleanza nuova, ma si fonda, alla fede, una nuova città che è Roma, non a caso palindromo evangelico di amoR.

Dunque, avendo scritto che la specie dei pesci della pesca miracolosa è romana, e avendo aggiunto che la crocefissione fonda una nuova capitale simbolo della nuova alleanza, capitale che è Roma, dobbiamo trovare il legame tra i due eventi e quel legame è sempre il numero 153 dei “grossi pesci” ma romani.

Abbiamo indagato nel web alla ricerca di queste informazioni e ne abbiamo trovata una molto, molto precisa: la datazione della Tomba di San Pietro ferma al 153 d.C.. che conduce, inequivocabilmente, a Roma, cioè laddove deve essere, se si è compreso il mio ragionamento.

Va da sé che Pietro è di tutto rispetto, sia nell’economia della nuova capitale, sia nell’economia del passo, cioè della pesca miracolosa che lo vede nudo, è vero, ma anche protagonista di un mea culpa che farà storia, forse una storia così importante che è ancora sotto gli occhi di tutti se quelle ossa contenute nella tomba sono sue, anche se amoR mi fa pensare al Giovanni che ne Vangelo ci ha parlato di pesci, mentre nelle sue lettere di amoR.

La regina del sinedrio

Il post di ieri, dedicato al Libro di Enoch, non è completo e lo sapevamo già perché noi avevamo deciso di non impegnare il lettore in maniera eccessiva, ma lasciandogli il tempo per riflettere e comprendere la logica del post.

Una logica che ritorna oggi proponendo di nuovo la metrica del 777 (anni) che è anche, però, ghematria di σαυρος (croce), cosicché sia la croce a dare un significato al calcolo o a permettere le considerazioni che eventualmente offre.

La metrica del 777 (anni) partirà di nuovo dall’Anno Mundi del 3923 che sempre più appare tale, cioè storicamente accertato e sostenibile, anche se questo non toglie che sia una datazione esclusivamente biblica che si può accettare, come rifiutare.

Resta di fatto, però, che essa sa far luce nella Bibbia e dare un senso, talvolta assolutamente nuovo, a pagine altrimenti fiacche perché troppo sfuggenti, come il Libro di Enoch qualora ne volessimo indagare la storicità e la canonicità.

Di quel libro, abbiamo scritto, c’è un calcolo che lo caratterizza secondo aspetti sinora sconosciuti, come quello che vuole, tolti 777 anni al 3923, che che si cada nel 3146, per un 31 che diviene 31 d.C. e il 46 gli anni di Gesù al momento del dialogo con i farisei, quello riportato in Gv 2,19-21.

E’ sempre questo dialogo che torna a istruire, perché noi lo metteremo in relazione alla Strage degli innocenti che sì, fu compiuta da Erode, ma chi ne fu il mandante se quel 31 d.C.; se quel 46 e Gv 2,19-21 fanno luce, in realtà, sull’ombra del tempio che potrebbe aver sobillato Erode alla strage, rimanendo, temporaneamente, nell’ombra quella che sarà completamente diradata dal dialogo tra loro e Gesù e da quel tempio che sarà distrutto per poi risorgere in tre giorni?

Questa è la cornice in cui si muove il calcolo che poi si arricchirà di particolari, mentre adesso proporremo i conti che partono dall’Anno Mundi e giungono al 31/32 d.C. scalando di 777 anni in 777 anni

Infatti:

3923 – 777 = 3146

3146 – 777 = 2369

2369 – 777 = 1592

1592 – 777 = 815

815 – 777 = 38

38 – 35 = 3

35 – 3 = 32

Come potete vedere nei primi cinque passaggi del calcolo abbiamo usata la metrica del 777, per poi procedere secondo una scala di 35 anni, cioè quella tipica della genealogia di Matteo.

La frequenza del 35 generazionale, tuttavia, non è una novità: già nel post precedente avevamo fatto notare che 35 sono gli anni che separano la prima tranche del calcolo (3923 – 777 = 3146) dall’inizio della generazione di Enoch (3181 per un 3181 – 3146 = 35)) seguendo genealogia lucana e questo, forse proprio questo, fa luce sulla locuzione tipica del Libro di Enoch, cioè “Figlio dell’uomo” se si ha chiaro, però, l’anno della crocefissione che per noi è il 35 d.C.

La presenza, quindi, di singole tranches di 35 anni nel calcolo che offriamo oggi si avvale della stessa metrica “corta” che era sorta ieri, per cui adesso non cambia, nella sostanza, il discorso, casomai si amplia e permette, tra l’altro, di notare che, a fronte di 5 passaggi a base di 777, si aggiungano due passaggi a base 35 per un totale di 7 passaggi dall’Anno Mundi al 31/32 d.C., quando, però, è proprio il numero 7 la caratteristica del nostro discorso che si basa o su 777 o su un multiplo di 7 (35), quando il 7 ha un valore simbolico tutto biblico, tanto che 777 è ghematria di σαυρος (croce).

Inoltre, sempre nell’ottica del numero 7 che caratterizza questa metrica, dobbiamo accennare che Atalia, di cui ci occuperemo a breve, regna, seguendo la nostra cronologia dei Re, 7 anni per una simmetria complessiva che davvero sorprende.

Ho dovuto dilungarmi un po’ affinché il contesto sia chiaro e poco spazio si lasci al caso. Adesso veniamo al dunque e facciamo notare che i conti sopra mostrati fanno tappa, cronologica, all’815 quando, se adottiamo i nostri Re, quella data ha un’importanza enorme, per cui non ci meraviglia che, qualora si adotti qualsiasi altra cronologia, tutto quanto rimane inaccessibile.

Infatti, l’816/815 a.C. non segna l’avvento di un regno qualsiasi, ma quello di Atalia, l’usurpatrice, e questo ben mette in relazione la prima tranche del calcolo ferma al 3146 quando, lo abbiamo scritto, quel 31 è il 31 d.C. e il 46 sono gli anni di Gesù al momento del dialogo con i farisei, che infatti obiettano che ci sono voluti 46 anni per la costruzione del tempio, come 46 sono gli anni di Gesù al momento se nato nel 15 a.C. e morto nel 35 d.C.

Quel dialogo, allora, trova un’ulteriore riflessione, perché come Atalia usurpa il regno di Giuda, così facevano i farisei, andando, magari, ben oltre usurpando il regno di Dio, cioè il tempio. In ogni caso è lì che Gesù li dichiara delegittimati, sebbene avessero già pensato all’omicidio che era, al momento, l’extrema ratio, quella che però adottarono alla luce della resurrezione di Lazzaro (Gv 11,53).

Non è casuale, quindi, che i calcoli mettano in relazione i farisei con Atalia che prefigura ciò che sarebbe successo negli anni 30 dopo Cristo, come prefigura, ed ecco la Strage degli innocenti, il bagno di sangue se ella uccise tutti i figli di Ocazia, defunto sposo.

La strage che ella compì fu quella che dopo secoli compì Erode, una strage di cui per lo più si nega la storicità, ma appare davvero strano che, alla luce dei calcoli che fanno emergere il regno di Atalia, si sia verificato qualcosa di davvero simile ai tempi di Gesù, quando se ne salvò uno, cioè Lui, come si salvo Joas, unico scampato.

Si potrebbe pensare che i sinottici si siano ispirati all’episodio di Atalia, ma rimarrebbe da spiegare come mai, calcoli alla mano, Atalia sia effettivamente in relazione con il sinedrio; o che Joas lo sia così strettamente con Gesù metaforicamente, magari anche Lui unico scampato alla furia di Erode, una furia, però, che, alla luce del 3146 (31 d.C. e 46 anni di Gesù) non crediamo sua, ma del sinedrio che gli armò la mano e ordì la strage.

Si trovarono d’accordo, insomma: l’uno, Erode, non voleva essere detronizzato dal “Re dei Giudei” (Mt 2,2); i farisei,invece, non volevano essere delegittimati dal Messia, cosicché Erode mise mano alla spada, mentre il sinedrio optò per la più sobria croce.

La ragione e la fede di un’attesa

Nel post recedente abbiamo appena introdotto la diversa natura cronologica dell’Attesa messianica vista da Luca e da Giovanni, quando l’uno ferma il tempo al 34 d.C.; l’altro al 32 d.C.

Sono due diversi episodi che determinano la differenza, ma proprio perché diversi riflettono le due diverse nature dei rispettivi vangeli: storico quello di Luca che nasce dopo “un’accurata ricerca e un resoconto ordinato”; teologico quello di Giovanni che vive un’unica grande Pasqua.

Infatti se nel primo si referta la storia alla luce della guarigione dell’emorroissa, fatto medico, nel secondo quell’attesa messianica finisce con la resurrezione di Lazzaro che fa da pendant alla Resurrezione.

Luca, medico, fu pragmatico uomo di scienza e non indulse alla teologia; Giovanni si china sul petto di Gesù e ne sente il battito teologico facendo del Vangelo un resoconto “raffinato” piucchè accurato.

Questo però non significa che le due opere si contraddicano: tutt’altro. Le due opere, come abbiamo spiegato sopra, nascono diverse per natura e scopo e dunque quell’Attesa segna una fine che non coincide, sebbene in entrambi precisa cronologicamente, solo che l’uno guarda al taglio storico; l’altro a quello teologico.

Detto questo possiamo introdurre una tabella che sintetizza l’intero periodo, cioè da Mosè al 34 d.C., tabella che riassume tutto dimostrando che quell’Attesa nasce nel deserto e giunge all’Emorroissa rendendola ancor più donna se Anna la profetessa fu l’ultima della sua stirpe e il suo sguardo concluse quello profetico proiettato nel futuro.

Vorremmo dire che “la Legge e i profeti fino a Giovanni” (anche qui), ma quest’ultimo, per sua stessa ammissione, non fu Elia, non fu profeta, ma solo voce di quel deserto (Gv 1,21-23) che aveva concepito il Messia e dunque ciò che lo ha reso celebre, ciò che ne ha fatto The voice per antonomasia, si arricchisce di una sfumatura messianica che attinge all’esperienza esodale mosaica di cui fu sintesi e araldo, ma non profeta: lui stesso lo ammette facendo così di Anna l’ultima della stirpe.

 

CRONOLOGIA DELL’ATTESA MESSIANICA
 
Mosé Profeti  Luca Giovanni
1425 a.C. 1425 a.C. ”            “ ”            “
945 a.C. 945 a.C. ”            “ ”            “
465 a.C. 465 a.C. ”            “ ”            “
  63 a.C. ”            “ ”            “
15 a.C. 15 a.C. ”            “ ”            “
    15 d.C. ”            “
    23 d.C. ”            “
      32 d.C.
    34 d.C.  
       

Scorsa la tabella, che richiede la conoscenza cronologica del blog altrimenti mi sarebbe impossibile impostarla con i mezzi e le capacità di cui dispongo, passiamo a dire che sì, Luca e Giovanni sono diversi in quell’Attesa, ma confluiscono perché immissari del Lago di Tiberiade. l’uno per una lunghezza di 34 km; l’altro 32 km, si può dire

Confluiscono nel lago in virtù di Isaia 21,11 passo celebre che annuncia il giorno chiedendo l’ora della notte, una notte che gli apostoli hanno passata invano pescando niente (Gv 21). Dunque quella notte riassume quella messianica dell’attesa, quando però sarà il giorno fruttuoso, sarà la Resurrezione, il Cristo vivo sulla riva.

Infatti Is 21,11 riassume le cifre che caratterizzano Luca e Giovanni perché 11 sono gli anni che dal 34 d.C. permettono di raggiungere il 23 d.C. sintesi del salmo del Divin pastore.

Vero è che l’emorroissa soffriva, stando all’attuale Vangelo di Luca, da 12 anni ma più esatta è la nota di 11 anni quella che permette tutto quanto detto, linkando, nel paragrafo precedente, in particolare la nota del perfetto (è venuto).

Per quanto riguarda il 21 mi pare addirittura ovvio: 21 è il capitolo della Pesca miracolosa e deve leggersi 777 per un simbolismo che trae il suo più importante significato in croce avendo scritto che il Vangelo di Giovanni è una Grande passione.

Dunque il braccio lucano del lago si ferma al 34 d.C.; quello giovanneo al 32 d.C. ma entrambi confluiscono alimentando il Lago di Tiberiade di cui ci siamo occupati a suo tempo diffusamente (vedi categoria 153).

Ed è a Tiberiade che la notte finisce e quel pescato miracoloso, 153 grossi pesci, conduce ad Alcimo colui che distrusse il Cortile interno del tempio e così distrusse l’opera profetica (1Mac 9,54).

In Gesù e in quel pescato non c’è la stessa demolizione, ma il compiersi della voce dei profeti e la profezia lascia il posto alla Rivelazione che per primo Giovanni scorge, come la scorge per primo nei vangeli se ferma al 32 d.C. mentre Luca al 34 d.C.

Vorremmo anche brevemente accennare che Tiberiade è luogo d’elezione dopo il grande salto del Vangelo di Giovanni che abbiamo detto avere le caratteristiche di un fiume che nasce quieto, invisibile per poi, man mano, crescere d’intensità fino alla Passione dove s’immerge carsicamente riaffiorando sulle sponde del lago per una scena idilliaca di Resurrezione.

La distanza della barca dalla riva, cioè da Gesù, misura in metri 888,75 quando 888 è la ghematria greca di Gesù; stesso dicasi delle misure del cortile del tempio che se ridotte al cubito romano ammontano a 888 cm.

Come vedete siamo all’interno di un contesto storico e teologico con l’Attesa messianica vissuta da Luca e Giovanni, un’Attesa che fu quindi ratio e fides che ebbe la sua sintesi in una cornice idilliaca.

Ps: chiedo scusa se il post da per scontato molto, persino troppo, ma se ogni volta dovessi spiegare punto per punto il blog entrerebbe in una logica esponenziale insostenibile.