Tu scendi con le stelle

Siamo un po’ disanimati nello scrivere questo post con cui ci diamo ragione, per cui, sapendo già tutto, saremo davvero brevi ricordano che per il Natale noi abbiamo una categoria folle, collocandolo fermo al 10 agosto del 15 a.C.

Le ragioni espresse nella categoria sono molte ed è inutile riassumerle, sperando vivamente che questo ennesimo post dedicato all’argomento cada in mani esperte; mentre siamo certi dell’utilità di un’ulteriore analisi, di ulteriori prove a suffragio della nostra certezza.

Per esserlo davvero, brevi, citiamo subito Ap 12,1-2 e la Donna vestita di sole, allegoria di tutto, ma più di tutto allegoria del Natale, se ella partorisce il Figlio maschio.

Nel simbolismo giovanneo si ripropone, allora, il Natale di tutte le confessioni, quello che tutte le confessioni celebrano al 25 dicembre, ma è esatto? Oppure quella donna riassume in sé il nostro 10 agosto?

Non è forse vero che ella è vestita di sole. Questo non significa che esso costituisce il suo splendore, se una veste, regale, deve esserlo splendida? E questo non ci parla di un sole al suo apogeo, cioè al massimo del suo, appunto, splendore?

Tale massimo, il sole, lo raggiunge il 10 agosto, quando fa ingresso nella costellazione del leone, cioè il 10 agosto, per un simbolismo che si arricchisce di significati, perché il sole (la luce) entra nel regno del leone, il mondo (tenebra) come annuncia il Prologo di Giovanni.

Dunque la veste di sole della donna altro non significa che il sole è l’elemento di spicco, come di spicco è una veste e ciò, al minimo, ci parla dell’estate, in particolare, lo abbiamo visto, del 10 agosto, quella data che noi da anni indichiamo come quella esatta per il Natale.

Poi, la donna, ha cinto il capo con una corona di 12 stelle e anch’esse costituiscono il cielo agostano, poiché dal 10 agosto, al di là della tradizione popolare che lì colloca la Notte di San Lorenzo, cioè la notte delle stelle cadenti, è possibile ammirare lo sciame meteorico delle Perseidi che hanno partorito quella tradizione. In ogni caso, però, anche le stelle, quelle che coronano la testa della donna, ci parlano di un mese e di giorni estivi, in particolare del 10 agosto.

Infine la luna sotto i suoi piedi, che altro non significa che la luna guida e ha guidato i passi della donna la quale, immagine di Maria e dovendo anch’ella partorire, lo ha fatto alla luce della luna, necessariamente piena dovendo far luce, poiché altro modo per illuminare la scena del parto era impossibile se, come si scrive, ella, di nuovo immagine di una Maria che mise alla luce Gesù in una grotta o in una stalla non di proprietà, sarebbe stata impossibilitata ad accendervi un fuoco, dal momento che l’una e ‘altra erano edifici di altri, senza contare che mi pare semplicemente impossibile partorire in mezzo al fumo e in ambiente chiuso.

Il fuoco come necessaria fonte di luce e di calore per il 25 dicembre (giorno cortissimo e freddo), insomma, non è escluso dalla nostra ricostruzione o datazione, ma dalla logica, quella stessa che, avendo escluso altre fonti di luce, ci affida alla luna piena, cosa che sarebbe forse facile provare ricalcolando le sue fasi nel 15 a.C., ipotizzandola piena al 10 di agosto.

La canzone che tutti i bambini del mondo cristiano conoscono è “Tu scendi dalle stelle” ma se quelle stelle erano cadenti, il titolo è sbagliato, perché quello corretto sarebbe “Tu scendi con le stelle”, e va da sé che neppure faceva freddo, per cui di un brano di successo rimane solo un motivetto appena orecchiabile.

Buon Natale

…perché domani (in realtà già adesso seguendo il calendario ebraico che segnava il nuovo giorno al tramonto) sarà Natale, quello cristiano del 10 agosto o 25 di Ab ebraico, di cui nessuno sa più nulla.

Tuttavia questo blog sa più di quanto si possa immaginare, tanto che, per propria convinzione, ne scrive dicendo che la sua celebrazione sarebbe l’unico viatico per stornare l’ira imminente.

Non sono né per carattere, né per vocazione profeta di sciagura, mi attengo ai fatti, quelli che mi hanno permesso di calcolare l’epidemia in corso sin da aprile 2018.

Buon Natale di nuovo a tutti.

Il santo di Natale

Il 10 agosto non è un giorno qualsiasi, non lo è neanche astronomicamente perché il sole entra nella costellazione del leone e se hai calcolato che il 10 di agosto sia in realtà Natale, è giocoforza, anche alla luce delle tue poche letture del Vangelo, in particolare quello di Giovanni, associare tutto all’unico Prologo, quello in cui fa ingresso la luce nelle tenebre, per un conflitto che non l’ha vinta (Gv 1,5).

Insomma, anche l’astronomia, sempre parca di conferme bibliche, ci dà ragione e fa del 10 agosto un giorno speciale, quello, tra l’altro, che hanno conosciuto anche i Padri del deserto che ad agosto, il 10, si riunivano comunità su comunità, non per un’esigenza qualsiasi, quella era riservata ad altri mesi, molto più comodi e freschi se si è costretti ad attraversare il deserto come i monaci pacomiani, solitamente pacati, equilibrati e moderati, che dovevano, in virtù di un appuntamento inderogabile, il Natale, mettersi in viaggio ad agosto, mentre gli altri mesi si spostavano, è vero, ma senza che ciò costituisse una dura ascesi per il gran caldo.

E’ un giorno speciale il 10 agosto, dunque, ma lo è ancor di più, cari fedeli di Padre Pio, che so a milioni e che mai avreste sospettato che quel giorno è legato a filo doppio al Natale, perché Padre Pio, il 10 agosto, mosse i primi passi della sua santità, cattolica o meno, essendo consacrato sacerdote.

Correva l’anno 1910 e il santo di Pietralcina compì forse un altro -intendo il vero- suo miracolo, facendo coincidere il suo sacerdozio con quello di Colui che lo fu alla maniera di Mechisedec, cioè Gesù.

Capite? Capite che è davvero un giorno speciale quel 10 agosto se il santo per eccellenza della modernità, quello in assoluto più venerato ai nostri giorni, celebra il suo sacerdozio il 10 agosto?

Tutta la nostra fatica, quella che ha partorito una categoria amplissima del blog, non è vana se anche Padre Pio ci scrive, alla sua maniera, è vero, cioè partecipandovi, ma basta la sua presenza in quel giorno e pure noi facciamo festa, certi di non sbagliare, perché tutto accade in quel giorno, più o meno cosciente, San Pio da Pietralcina, che lo sia stato Natale: a noi basta la sua presenza. E a voi?

Tu be Av, anche gli Ebrei celebrano il Natale

Del Natale abbiamo scritto molto perché lo richiede se si ha intenzione di riportarlo alle origini, quelle agostane, però, che la “tradizione” ha volutamente cancellato assecondando un piano molto semplice, ma oltremodo efficacie: tabula rasa.

Tabula rasa del passato, quello cristiano delle origini che però ha esercitato una forte pressione sulla cera e qualcosa è ancora rimasto scritto sulla tabula, tanto che, se ci muniamo di pazienza e di una buona lente d’ingrandimento, è possibile ancora leggere quanto le origini del cristianesimo avevano scritto.

Questo accade per il Natale, è vero, ma ancor più per quanto quel Natale riservava in termini di liturgici e di calendario, quello ebraico, che scandiva l’anno al suono delle feste.

E’ il caso di Tu be Av, la festa agricola per eccellenza, che segnava la fine della vendemmia, da sempre sinonimo di festa in campagna, tanto che una tradizione contadina, conservata dai sacerdoti di campagna, recita che “le ferie” le stesse di oggi ” erano la vendemmia”.

Questo fa di Tu be Av la festa agricola per eccellenza, un momento di grande gioia perché se il grano da pane, la vite dà il vino, quello della gioia, quello di Cana e quello che in tutti vangeli riconduce a Gesù, eletto a simbolo della vite, quando il Padre è il suo coltivatore (Gv 15,1).

La festa di Tu be Av, allora, non a caso è la festa delle nozze, perché le maritande scendevano non in piazza, ma nelle vigne e lì mostravano la propria virtù, quella che, in un modo o nell’altro, le rendeva attraenti.

Tale festa, Tu be Av, si scrive che si celebrasse a calendario fisso, cioè al 15 di Av, ma c’è un particolare che deve essere tenuto presente se il sito sinora linkato, che mi pare ebreo, ha ragione: la festa si teneva nelle vigne al “bagliore della luna” cioè di notte e con luna piena, altrimenti la festa sarebbe stata impossibile.

E’ dunque la luna piena che fa da splendida cornice alla festa, tanto che ci pare improprio scrivere che si tenesse a calendario fisso, un calendario che solo oggi potrebbe offrire una data fissa, ma non ieri perché, lo ripetiamo, la luna piena e la sua grande e romantica luce era l’ornamento delle fanciulle.

Adesso, dopo aver premesso ciò, non rimane che controllare quando sia stata la luna piena, caratterizzante Tu be Av, nel mese di Av nel 15 a.C., quando noi diciamo si sia tenuto il primo Natale della storia. Ma dobbiamo anche premettere che noi siamo digiuni di astronomia e ci muoviamo solo a rigor di logica, per questo soggetti a errori, forse grossolani, anche se non tali da impedirci di fornire un’eventuale tema di riflessione e, se del caso, di calcoli, magari più precisi o persino tali da demolire i nostri.

uttavia ci preme sottolineare come in ogni caso la coincidenza avvalori i nostri calcoli se nel 15 a.C. la luna piena di agosto cade, seguendo questo calcolatore, nel 19 di agosto, un 19 di agosto che supponiamo non tenga conto dell’avanzamento di 11 giorni rispetto al calendario gregoriano, come indica un altro programma di conversione dal gregoriano all’ebraico e viceversa, avvenuto nel XVIII secolo, per cui la luna piena cadrebbe, in realtà, nell’8 agosto, per una fase piena di 4 giorni, per cui compreso il nostro 10 agosto, giorno che noi dedichiamo al Natale, il primo della storia.

Anzi, ci preme pure sottolineare che la fase piena era forse al suo massimo splendore quel 10 agosto, perché mediano tra i 4 giorni di luna piena, tanto che non ci pare azzardato che la luna, forse, la si potesse quasi toccare con mano e capace di fornire tanta luce, almeno quella necessaria a un parto di notte in una stalla in cui era assolutamente vietato accendere un fuoco o una torcia, perché stalla di altri e sicuramente colma di paglia, oltreché struttura in legno.

A noi pare funzionale fissare Tu be Av a data fissa, forse perché nessuno danza più nelle vigne, tranne le volpi, quelle che le devastano (CC 2,15), ma all’epoca di Maria era gioco forza attendere la luna piena perché si tenesse la festa, la quale, quindi, si muoveva nel calendario seguendone le fasi.

Non sappiamo se abbiamo ragione, se cioè i nostri calcoli siano esatti o se i siti utilizzati siano accurati, tuttavia ci preme dire che, a una prima lettura, forse superficiale, abbiamo di nuovo ragione e non solo era il 10 agosto Natale, ma che, come ormai andiamo dicendo da molto, era luna piena e se le altre danzavano, Maria partoriva.

Nel deserto le orme del Natale

Leggere un libro e memorizzarlo con facilità non accade spesso, come non accade spesso – in verità mai- di leggere una monografia sul monachesimo delle origini e imbattersi nel Natale, ma non quello del 25 dicembre, quanto il nostro Natale, quello del mese di agosto, fermo al 10, come da anni andiamo scrivendo.

Leggere quindi un bel libro non accade spesso, e quello di padre Garcia Colombàs lo è, tanto è vero che non solo spiega magnificamente il monachesimo delle origini e dunque le origini della patristica del deserto, ma ci dà pure ragione sul Natale agostano.

Infatti, a pagina 124 de Il monachesimo delle origini, edito da Jaca Book, c’è una nota, la 43, alquanto insolita e controversa che attribuisce a Gerolamo una consuetudine frutto di “un’errata interpretazione” della koinonia pacomiana, poiché se le due assemblee ordinarie si tenevano una a Pasqua e l’altra nel mese di agosto, a proposito di quest’ultima, Colombàs le attribuisce uno scopo finanziario perché finalizzata alla rendicontizzazione.

Tuttavia, non solo Gerolamo parla apertamente di un giubileo in quell’occasione (vedi nota 43), cioè di una remissione generale dei debiti, ma non quelli contratti dalle singole comunità pacomiane, quanto quelli contratti tra i singoli monaci, in aperta osservanza del precetto evangelico di rimettere reciprocamente i debiti gli uni agli altri; ma vale anche far notare che le assemblee ordinarie si tenevano a Pasqua e ad agosto, cioè a Pasqua e a Natale, i capisaldi della biografia di Gesù.

Se così non fosse, sarebbe tutta da spiegare una logica diversa, cioè quella che sì, è giusto e fattibile riunirsi a Pasqua, cioè in primavera; mentre troviamo estremamente poco indicata una riunione che avesse obbligato a spostarsi in agosto, cioè nel mese meno indicato perché rovente per chi magari era costretto ad attraversare a piedi il deserto.

Solo un appuntamento inderogabile come il Natale può aver costretto Pacomio ad obbligare i suoi monaci a mettersi in un viaggio di chilometri e chilometri desertici ad agosto, altrimenti quell’equilibrio e moderazione che Colombàs scrive abbiano caratterizzato la gestione delle comunità pacomiane va perduto, a causa di un estremo climatico, organizzativo e logistico davvero poco consono trattandosi, se è vero, solo di un’assemblea ordinaria finalizzata a illustrare lo stato finanziario delle singole comunità, cosa che si poteva benissimo calendarizzare in mesi più temperati.

Egli, allora, istituì la riunione ad agosto (per noi al 10 e chissà che non torni di qualche utilità agli studiosi del monachesimo) perché celebrava la nascita di Gesù, colui che aveva dato vita alle comunità monastiche e di cui era il senso e il fine, un senso e un fine che emergono anche dalla nota di Gerolamo che non è “un’errata interpretazione”, ma la verità trattandosi di un giubileo, meglio ancora del Natale che non dispensava regali, ma ugualmente riemetteva i debiti, l’uno all’altro azzerando i debiti e i crediti, è vero, ma non quelli del ragionieristico dare e avere o entrate e uscite, quanto quelli contratti tra fratelli, Colombàs, a cui fraternamente invio il mio Requiem.