La genealogia lucana: aspetti di un approccio cronologico inesplorato

In alcuni post ci siamo occupati della genealogia lucana (vedi categoria) tracciandone le grandi linee cronologiche che essa disegna. Sostanzialmente sono quattro le tranches che si sviluppano da Adamo e giungono a Gesù per un totale di 3923 anni. La prima è Adamo-Nochè (Noè) e conta 10 generazioni di 106 anni per un totale di 1060; la seconda è Nochè-Abramo e conta 12 generazioni di 74 anni per un totale 888 anni; la terza è Abramo-Davide e conta 17 generazioni di 58 anni per un totale 986 anni e infine l’ultima da Davide a Gesù che conta 43 generazioni di 23 anni ciascuna per un totale di 989 anni.

Diciamo subito due cose:

  1.  Come dimostra la tabella seguente questi totali emergono solo se dalla seconda tranche l’inizio e la fine delle singole tranches ripetono l’antenato. E’ così che abbiamo due volte Noè  che chiude la prima tranche e apre la seguente; poi abbiamo che Abramo segue la stessa frequenza; Davide ugualmente, mentre Gesù si ripete due volte per raggiungere, dall’Anno Mundi, un “ipotetico” anno zero che conclude la genealogia. Lavoro sui generis alcuni lo giudicheranno, ma invito alla pazienza, perché riserva sorprese che aprono a considerazioni interessanti nell’ottica di una rivalutazione della genealogia in questione, secondo noi.
  2.  In un precedente post ci eravamo già occupati di queste tranches ma non eravamo ancora al corrente che quella da Davide a Gesù si differenzia molto dalla genealogia di Matteo che si sviluppa per generazioni di 35 anni. Per questo motivo avevamo sommato alle prime tre tranches i 490 anni indicati da Matteo che ci parla di 14 generazioni di 35 anni tra Davide e Gesù. Questo perché non eravamo ancora a conoscenza che per lo stesso periodo Luca offre 43 generazioni di 23 anni esatti e perciò si creava un vuoto di 484 anni perfettamente coincidente con gli anni di regno di Giuda. Ancora non siamo in grado di sapere se tutto ciò costituisca un errore, perché le due genealogie si sono rivelate, come vedremo, capaci di più finalità che danno luogo ad aspetti diversi tra loro e dunque a cronologie che perseguono, sebbene all’interno di un unico contesto, scopi e calcoli diversi che potrebbero anche caratterizzarsi per elementi che accomunano Luca a Matteo.

La tabella che segue, entrando in argomento, ha calcolato cronologicamente tutte le generazioni lucane che da Adamo si susseguono fino a Gesù. Abbiamo fatto questo perché certi che all’interno della genealogia lucana si celassero informazioni importanti che avrebbero solo potuto emergere dai calcoli piucché dalla linea genealogica. Pensiamo di aver fatto bene alla luce di quanto è emerso, che però è solo un primo abbozzo di ricerca che ha il solo fine di stimolare coloro che possono dedicarsi all’argomento con più profitto.

La genealogia lucana alla luce di quanto ha evidenziato il blog necessita, infatti, di uno studio nuovo che ne esplori anche la cronologia, spesso dimenticata, ma insita in una genealogia che si voglia inserire in contesto cronologico, magari quello già descritto dal blog che traccia la storia d’Israele e dunque la genealogia di Gesù che è sempre storia, ma osservata da un punto di vista particolare e per altri scopi, seppur non esulanti dal contesto cronologico universale.

Ecco la nostra tabella genealogica che offre solo spunti al momento, ma molto interessanti che spero attirino l’interesse del lettore

 

[table id=17 /]

 

La prima cosa da notare, nell’ottica di una genealogia di Gesù, sono quegli 888 anni tra Nochè e Abramo i quali non sono frutto di una coincidenza, perché 888 è la ghematria di Ἰησοῦσ (Gesù), aspetto ghematrico che definisce una genealogia a Lui rivolta perché ne descrive tutti gli antenati per “come si credeva” (Lc 3,23). Questo periodo, alla luce degli 888 anni che lo compongono, risulta interessante a sufficienza per un’indagine ad hoc che risponda a due domande: qual è il significato che la lettura ghematrica potrebbe avere nelle singole generazioni che la compongono? Nel complesso genealogico descritto da Luca, quel periodo di 888 anni per cosa si caratterizzò se fa appello a Gesù, sebbene nella sua accezione ghematrica? Domande che nascono spontanee se non si adduce tutto al caso che, alla luce di quanto stiamo per scrivere, non crediamo sia da tirare in ballo.

Infatti, la tabella mostrata sopra considera anche il ramo materno della genealogia, cosa che nessun altro fa, stando a wiki, perché solo con quello essa incrocia cronologicamente il dato storico del 989 a.C. come primo anno di regno di Davide; il 667 a.C. come anno della costruzione della porta superiore del tempio e il 644 a.C. come primo anno di regno di Ezechia. Ovvio che stiamo parlando della cronologia che caratterizza il blog, la quale però risulta essere perfettamente allineata con l’evidenze lucane, come vedremo. Tale ramo femminile, quindi, costituisce a tutti gli effetti una generazione e deve rientrare, magari non necessariamente sempre, nel computo.

La natura cristologica della genealogia lucana non si esaurisce nell’esempio citato. Essa, infatti, si completa alla ventinovesima (trentesima contando due volte Davide) generazione che indica un chiarissimo Gesù. Un Gesù che in Gv 10,7 si equipara alla porta che noi già sappiamo, grazie all’omonima categoria che contiene tutti i post dedicati all’argomento, essere la porta superiore del tempio . 

Quella porta fu costruita nel 668/667 a.C. perché non solo una cronologia dei Re colloca in quell’anno il regno di Jotam, artefice del progetto (2Re 15,35), ma anche perché i calendari sabbatici e giubilari sovrapposti a quella cronologia indicano quell’anno come eccezionale, perchè sabbatico e giubilare assieme. Questo spiega come mai durante il regno di Jotam si costruì la porta superiore del tempio, unica modifica strutturale al tempio in mille anni di storia (Salomone-Erode). Il cantiere fu aperto per celebrare degnamente un evento che si verificava solo una volta ogni 350 anni e quel 668/667 a.C. fu uno di quelli.

La costruzione della porta superiore del tempio, quindi, permise al tempio di raggiungere il suo massimo splendore, ecco perché Gesù si paragona ad essa in Gv 10,7 ed ecco perché la genealogia lucana pone esattamente in quell’anno un antenato con il suo stesso nome, se non Lui stesso addirittura, cosa che renderebbe la genealogia lucana una pagina tutta da ristudiare.

La coincidenza tra l’anno sabbatico e giubilare che vide nel 668/667 a.C. la costruzione della porta superiore del tempio e la generazione di “Gesù”, cioè la ventinovesima o trentesima, permette la comprensione di un passo che il blog aveva già interpretato in quel senso, quando aveva scritto chiaro che quella porta citata in Gv 10,7 non ha nessuna relazione con il porticato di Salomone, come si scrive, ma fu la porta superiore del tempio che fece da cornice al capitolo 10 di Giovanni, come testimonia anche la perfetta coincidenza della generazione lucana che indica “un Gesù” nell’anno esatto della sua dedicazione.

Vorremmo fermarci qui perché coscienti che già il materiale offerto è notevole e si rischia la confusione nella mente del lettore, ma non posso non completare il discorso facendo presente che non è un caso che la genealogia lucana “datata” come mostra la nostra tabella, offre la generazione successiva al 667 a.C. ferma al 644 a.C. quando 644 è ghematria di Ἐμμανουήλ (Emmanuele) e questo riconduce all’oracolo più studiato di tutta la Scrittura: quello dell’Emmanuele che ha diviso Ebrei e cristiani per duemila anni.

Ce ne siamo già occupati qui e siamo giunti alla conclusione che la lettura ghematrica sia l’unica a far cessare le polemiche, perché rivela, con quel 644 di Ἐμμανουήλ, Ezechia nel suo primo anno di regno (644 a.C.), stando alla nostra cronologia, e questo ne fa il protagonista dell’oracolo perché quel primo anno di regno riassume simbolicamente tutto quanto il suo governo dando però ragione agli uni e agli altri.

Infatti, proprio perché non è Gesù è Gesù perché quel greco che permette la lettura ghematrica è neo-testamentario e dunque Ezechia prefigura il Cristo e il suo regno messianico, se l’oracolo lo è messianico. Dunque abbiamo che alla .ventinovesima generazione si cita “gesù”, antenato di Gesù se non Gesù stesso e a seguire, nella ventottesima generazione, l’Emmanuele, cioè Ezechia, tanto che quella contiguità non può essere casuale, se non fosse altro perché storica come storico è il 668/667 a.C. e il 644 a.C. poiché emergono da una cronologia che nel primo caso incrocia alla perfezione due calendari (sabbatico e giubilare); nel secondo si fa forte di una cronologia dei Re dimostrata un’infinità di volte quella che la Bibbia da sempre propone, sebbene altre cronologie, ritenute storiche, le siano state attribuite nottetempo creando dei veri e propri nonsense nel quadro cronologico biblico.

Ecco dunque la genealogia di Luca, cioè la genealogia di Gesù che non poteva essere altrimenti perché si compone di tranches di 888 anni, quando 888 è la ghematria stessa di Ἰησοῦσ; poi Lo colloca non sotto il porticato di Salomone, ma sotto la porta superiore del tempio costruita nel 668/667 a.C. in anno sabbatico e giubilare, quello che più di ogni altro si presta a un oracolo messianico che ne fa l’Emmanuele nel 644 a.C.

Tutto questo è emerso dando un preciso valore cronologico alle generazioni lucane che non esauriscono la loro funzione nella lunga lista di nomi, perché forse è più importante la lunga somma di numeri, ben lungi dall’essere compresa perché nuova agli occhi degli studiosi. Ma lo abbiamo scritto: questo post vuole solo attirare l’attenzione su una pagina lucana ritenuta lacunosa ed esaurita, quando è ancora capace di spunti di assoluta importanza, tanto che in un un ipotetico libro essa necessariamente non si potrebbe esaurirsi in alcuni paragrafi, ma occuperebbe un intero capitolo, tanto è importante, secondo noi.

 

Il calendario della Dimora

Ci sono argomenti, in ambito cronologico, che richiederebbero una trattazione diffusa, affinchè le cifre abbiano lo spessore teologico adeguato. Non mi è possibile questo: troppo il tempo che richiederebbe e troppa la preparazione che mi sarebbe chiesta.

E’ così allora che affronteremo l’argomento per sommi capi, stabilendo delle relazioni che sono solo un accenno, certi però che i calcoli sappiano esplicitare al meglio il mio pensiero a coloro che l’argomento lo conoscono bene.

L’erezione della Dimora o Tenda che segnava la presenza reale di Dio, coincide con quanto scrive Paolo in Eb 9,11-12 dove il Cristo è paragonato a una tenda più grande e perfetta. Infatti leggiamo

Cristo invece, venuto come sommo sacerdote di beni futuri, attraverso una Tenda più grande e più perfetta, non costruita da mano di uomo, cioè non appartenente a questa creazione, non con sangue di capri e di vitelli, ma con il proprio sangue entrò una volta per sempre nel santuario, procurandoci così una redenzione eterna.

I nostri calcoli ci portano a datare l’anno dell’erezione della prima Tenda nel secondo anno dell’esodo (Es 40,3), cioè il 1423 a.C.,erezione descritta nel capitolo 35 di Esodo. Sarà quindi di nuovo un 35 a costituire il trait d’union tra la tenda mosaica e quella più perfetta di Cristo, crocifisso nel 35 d.C. stando alla nostra cronologia.

L’erezione della Dimora (Tenda) unisce infatti cronologicamente Mosè a Gesù seguendo quello stesso calendario sacerdotale settimanale che ci ha tenuto compagnia negli ultimi post.

Esso procede secondo cicli lunghi e brevi, rispettivamente di 294 anni e 6 anni, sarà facile quindi verificare se anche sotto un profilo cronologico-calendariale il legame tra la tenda mosaica e quella più grande e perfetta di Cristo esiste.

Lo dimostreremo con la solita tabella, la quale non esprime solo una relazione tra gli estremi (1423 a.C.-35 d.C.) ma fa luce anche su ambiti cronologici intermedi come

  1. il 949 a.C. primo anno di regno di Salomone (sempre secondo la nostra cronologia)
  2. Dedicazione del primo tempio 937 a.C. solitamente indicato da noi nel 938 a.C. senza considerare però i 6 mesi che si aggiungono ai 7 anni indicati da 1Re 6,38 perchè le fondamenta furono gettate nel mese di ziv e la dedicazione avvenne 7 anni e 6 mesi dopo, nel mese di bul.
  3. Dedicazione della porta superiore del tempio (vedi anche qui) avvenuta nell’anno giubilare e sabbatico 668/667 a.C.

Come vedrete nella tabella in calce essi sono punti fondamentali della cronologia legata all’edificio sacro il quale necessariamente deve segnare una cronologia propria che colleghi i momenti più significativi nell’ottica di un Cristo nuova e più grande tenda dell’alleanza.

Risulterà così chiaro che non a caso tale cronologia illumini il primo anno di regno di Salomone, cioè l’artefice del progetto legato al tempio.

Risulterà chiaro anche perchè da lì si giunga, attraverso sempre il calendario delle settimane che disciplinava il culto, alla dedicazione del primo tempio e a seguire all’opera che più di ogni altra ne segna il completamento e lo splendore: la porta superiore del tempio a cui Gesù stesso si equipara nel capitolo 10 del Vangelo di Giovanni.

Abbiamo, poi, un grande balzo che giunge al 35 d.C. in cui tutto è veramente “compiuto” (Gv 19,30) perchè la Dimora o Tenda accoglie il “Dio con noi” in una realtà più grande e perfetta, tanto che la pianta originale della tenda mosaica è alterata in una forma di “croce” latina, la nuova tenda dell’alleanza.

Come ho detto in apertura, l’argomento è uno di quello da brividi ed è coscienti di questo che umilmente offriamo agli studiosi dell’argomento una nuova breccia nel complesso universo della teologia che non credo disdegni il laconico mondo dei numeri se questi confermano il quanto già detto e scritto.

ANNO EVENTO CICLO LUNGO CICLO BREVE TOTALE ANNO EVENTO
1423 a.C. Erezione della Tenda 1 30 474 949 a.C. Primo anno di regno di Salomone
949 a.C. Primo anno di regno di Salomone 2 12 937 a.C. Dedicazione primo tempio
937 a.C. Dedicazione del rpimo tempio 45 270 667 a.C. Dedicazione della porta superiore del tempio
667 a.C. Dedicazione della porta superiore del tempio 2 29 699 35 d.C. Crocefissione