E che Morte non li separi

Della bestia e del falso profeta ce ne siamo occupati nei post dedicati al cavallo verde di Tiatira, senza però nulla dire sulla loro sorte, per altro identica: lo stagno di fuoco di Ap 19,20.

Abbiamo visto che sia l’uno che l’altro sono uniti nella morte di Costante II, cioè nel 668 d.C. quando il 6 e il 68 richiamano il falso profeta e il Sessantotto.

Inoltre abbiamo anche visto che quel 668 d.C. non a caso segna la morte di Costante II, perchè se stiamo parlando del cavallo verde che esce da Titatira (Germania), esso deve essere cavalcato dalla Morte perchè così ce lo descrive Apocalisse.

Quell’anno, dunque, riassume in sè tutta la drammatica vicenda descritta dall’opera di Giovanni riguardante l’ultimo cavallo che fa la sua comparsa e che tira in ballo, grazie al cavaliere, sia la bestia che il falso profeta, i quali noi abbiamo detto essere Sisto V Peretti Papa e il movimento di contestazione sessantottino, perchè questo dicono il 6 (stigma nel chi, csi e stigma del numero della bestia, cioè 666) e il 68 della data di morte di Costante II.

Essi, cioè bestia e falso profeta, sono uniti nella loro sorte perchè entrambi sono gettati nello stagno di fuoco che il testo greco propone come λίμνη πῦρ (Ap 19,20), ma che in realtà si scriveva λίμη πῦρ (inutile ricordare che il Testamento greco è stato falsato) e la somma ghematrica della locuzione non a caso è 668, di nuovo il 668 che indica sia la morte di Costante II, ma anche l’indissolubile unione di bestia e falso profeta, che uniti saranno gettati nello stagno incandescente.

Ecco, forse la fine dei post dedicati al cavallo verde di Tiatira, cavalcato dalla morte, è vero, ma accudito nientemeno che dalla bestia apocalittica e dal falso profeta, cioè un Papa e dunque una chiesa: quella cattolica.

Habemus Hippy

cavallo-verde-del-fuoco-34607665Indicare una nazione come la Germania sede della scuderia che ha accudito il ’68, movimento che in ogni caso lì trae le sue origini, cioè dalla disgrazia luttuosa tedesca conseguente alla Seconda guerra mondiale, è vago.

In ogni caso mette il ricercatore in condizioni disagevoli, quando restringere un area di ricerca renderebbe tutto molto più semplice. Certamente la sorgente del fiume della contestazione è in qualche fitta e oscura foresta tedesca (università), ma che ne è delle sue acque? Da dove provengono se lì affiorano?

Il percorso di un’idea spesso si perde nei secoli e colonizza ambiti spesso molto distanti. La genesi di un fenomeno non va confusa con la sua stanzialità. Ecco allora che noi sonderemo le sorgenti sessantottine prelevando un campione di quelle acque, termali certamente tanto furono calde.

Nel nostro viaggio nella storia ci siamo imbattuti in un personaggio di tutto rilievo, perchè non solo ha partorito un simbolo, ma ha anche ispirato l’arte. Stiamo parlando della bestia e la sua immagine, così come ce ne parla Apocalisse e come ce la dipinge Giusto de Menabuoi.

Siamo anche riusciti a dare un connotato storico a quella bestia quando abbiamo indicato Costante II imperatore bizantino, tanto che ce lo troviamo addirittura regnante nel 666 d.C., quando 666 è proprio il numero della bestia.

Il caldo del suo inferno ha innalzato le temperatura della friabile roccia sovrastante e la falda storica ne ha risentito, partorendo qua e là piccole o grandi polle termali che si sono conservate e tramandate nel tempo, permettendo agli uomini di attingerle.

Una di queste polle è certamente quella tedesca cattolica perchè Costante muore nel 668 d.C. (tenete ben presente che il cavaliere del cavallo verde è la Morte) e noi scomporremo il numero alla ricerca di un senso che già è marcato dalla vita di quell’imperatore: bestia apocalittica regnante immancabilmente nel 666 d.C. (in un ideale termometro, necessario per un esame chimico fisico di un’acqua, siamo già a 50°).

Leggeremo, quindi, 6 e ’68 quando il 6 indica non solo lo stigma greco del 666 (chi, csi e stigma) cioè indica il falso profeta che noi abbiamo sempre detto essere Sisto V Peretti, Papa cattolico; ma anche la sede di quell’immagine che riconduce a Costante II, sede che tuttora è il Battistero (cattolico) di Padova. Il ’68 emergente dalla data di morte di Costante è semplicemente il ’68 che tutti conosciamo.

Quella falda acquifera bizantina affiora quindi nella Germania cattolica, quella che verosimilmente ha partorito il ’68 che rende il cavallo verde di Tiatira ancora più incredibile perchè quel movimento di contestazione non fu neanche figlio dei fiori, come si dice, ma dei preti, rendendo tutto assurdo, inconcepibile e folle, cioè suscitando quella stessa reazione che avremmo nel veder passare un cavallo verde smeraldo.

Mi rendo conto che come raccontare di aver visto un cavallo di quel colore susciterebbe le più sfrenate risate ed epiteti, dire che i figli dei fiori sono stati partoriti dai preti o dalle suore, susciterebbe le stesse acute risate, ma questo dice il termometro fermo sui 68°, per cui non vi rimane che sincerarvi senza andare a zonzo in Germania: il calidarium è nel  suo sud.

Ps: scusate l’aggiunta ma solo a cose fatte mi è presa la curiosità di vedere di chi fosse il pontificato negli anni della contestazione e ho letto che Papa fu Paolo VI, sesto come quel 6 di 6 e ’68 che noi abbiamo detto ricondurre alla Chiesa cattolica.

Tutto questo, in primis il metodo, è folle ma siamo o non siamo alle prese con un cavallo verde smeraldo che è ancora più folle? dai, fatevi prendere la mano: spulciate le encicliche che non si sa mai.