Un arcivescovo che ha dato i numeri. Uno humor tipicamente inglese

Si legge, e noi lo abbiamo fatto per la prima volta tanto ci interessava, che la numerazione dei capitoli e dei versetti sia opera d’uomo e per di più recente, in fondo, se si considerano gli anni della Bibbia.

Tuttavia, il blog ha una precisa categoria, quella dei versetti, in cui appare chiaro che la loro numerazione si allinei esattamente con il loro contenuto, tanto che la numerazione stessa offre spunti di ulteriore comprensione e si presta a una funzione che solo le cifre sanno esprimere, come quella cronologica, cosicché nella Bibbia niente sia lasciato al caso, essendo del tutto e in tutto ispirata.

Negare il fatto, cioè negare la sacralità del testo, ci obbligherebbe a titolarla “Bibbia”, come spesso adesso si fa, ma la renderebbe impura, quando già con la Sistina la si è resa falsa, per cui viene spontaneo immaginare che la suddivisione per capitoli e versetti non sia altro che un’altra delle innumerevoli truffe che la deturpano, qualora si creda alla versione inglese di Langton, il quale ha prestato il nome alla truffa,quella che afferma la non sacralità dei capitoli e dei versetti, opera d’uomo solo perché, esprimendo essa in origine spunti e conferme cronologiche, poteva essere d’intralcio alla “truffa di maggior successo dell’intera storia della scienza” (R. Newton): la cronologia tolemaica che s’intendeva imporre.

Alla luce di tutto questo, noi vorremmo presentare un altro caso rispetto a quelli già contenuti nella categoria dedicata ai versetti, ed è il capitolo 12 di Apocalisse, che mi pare nessuno abbia mai messo in relazione non solo con Matteo 2, ma anche con il fatto che quel capitolo 12 di Apocalisse non poteva non numerarsi diversamente, perché Halley passò su Betlemme nel 12 a.C., come afferma l’astronomia, e i Magi allora arrivarono dando una trama ben precisa ai fatti che caratterizzano l’infanzia di Gesù.

La tabella che segue, allora, vuole mettere in evidenza la perfetta simmetria del capitolo matteano con quello di Giovanni, quasi una corrispondenza perfetta che trova nella numerazione del capitolo 12 di Apocalisse la sua collocazione storica, perché tutto in Matteo si verifica nel 12 a.C., cosicché quel capitolo 12 giovanneo non solo ispira la sua trama dei fatti a Matteo, ma ne disciplina anche l’ambito, forse la similitudine, temporale che si apre e si chiude nel 12 a.C., a ulteriore conferma che la cronologia del blog non sbaglia a farne un caposaldo della biografia di Gesù.

Consultate la tabella a seguire, scorgete le inerenze, talvolta le identità, per poi passare alla lettura integrale dei due passi, quello matteano e quello giovanneo, per comprendere che, forse, la storia della suddivisone per capitoli e versetti di Langton è solo unna freddura inglese, una delle tante, ma stavolta forse di troppo, perché nessuno può dire, alla luce dello “stupro della Vulgata” (padre A. Maggi), se la Bibbia forse addirittura nasca ispirata per capitoli e versetti, ma a qualcuno ha fatto comodo prendersene il merito, quello che magari è alla base di una rocambolesca carriera che ha dato persino i numeri.

Matteo 2Apocalisse 12
Cometa di HalleyGran segno nel cielo
Maria ha partoritoLa Donna deve partorire
Il bambino è rapito (in sogno)Il figlio maschio è rapito
Fuga in EgittoFuga nel deserto
Erode si adira moltissimoIl drago s’infuria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.