L’innominato

I Padri del deserto non si finisce mai di leggerli, perché magari anche alla centesima volta scopri che tutte le altre volte ti era sfuggito il senso profondo del detto che magari è quello che hai dato tu, ma senti di essere nel giusto proprio sulla scorta di tutte le precedenti letture.

E’ il caso di Poemen che giunge in un villaggio in cui ha un successo strepitoso tanto da oscurare la fama di grande anziano lì presente, pure lui Padre del deserto ma che si lascia vincere dall’invidia e parla male del gruppo di Poemen.

Questo è il motivo che spinge Poemen a fargli visita, cioè il tentativo di appianare la lite e l’apoftegma lo fa apparire chiaro giungendo sino a dire che l’anziano parlava male di Poemen quasi lo avesse preso in odio.

Tuttavia questa dinamica invidiosa è solo il pelo d’acqua, uno schermo sul senso profondo dell’apoftegma che cela, per noi, tutto un altro significato che si rivela in quel cento volte superiore che lo conclude, siglando un’amicizia tra l’anziano e Poemen che però mai era venuta meno.

Infatti, è solito nei Padri far aspettare il postulante sotto il sole all’uscio della cella e questo fa Poemen per umiltà e pazienza, certo ma, sebbene il detto lo lasci solo intendere, Poemen così facendo si fa discepolo ai piedi dell’anziano e questo non è solo una dimostrazione di umiltà, è la lezione del brano

Poemen godeva di una illustrissima fama che aveva spodestato l’anziano dal cuore della gente, ma l’anziano, proprio perché “grande anziano” lo amò creando la premessa perché Poemen divenisse in realtà ancora più grande, dimostrando un’umiltà che fino ad allora poteva essere oscurata dall’ombra della vanagloria, invece l’anziano dimostra che Poemen è davvero grande, anzi, “cento volte più grande” di quello che si dice, perché ha superato la prova: si è fatto discepolo da grande maestro che è, rivestendosi di una veste d’oro purissimo, un cento non casuale (Mt 13,23) di frutto che solo la grandezza dell’anziano, però, poteva trarre dal deserto.

Non ne conosciamo il nome, ma quel grande anziano fu davvero un grande del deserto, perché rimase anonimo, permettendo al nome di Poemen di crescere, mentre lui, con l’anonimato, si fece minuscolo, cioè una spanna sopra al gigante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.