Fantozzi ha paura

L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, recita la costituzione, ma nessuno dice che il lavoro è un piacere che ti fanno e lo rivogliono, prima o poi, indietro con gli interessi. Come non si dice che la satira, sempre in Italia, è libera, libera cioè di dedicarsi agli altri e non al Potere che cova laddove meno te lo aspetti, come dove meno te lo aspetti compare.

Guardate attentamente il video e lo vedrete quel potere, quello che si cela alla vista e che è stato oggetto di un libro recentemente, a cura di una che forse, magari incoscientemente, è di loro: Concita De Gregorio, ex direttrice de L’Unità, sebbene noi non facciamo un discorso politico, ma sulla paura, quella che suscita il Potere, il Potere che è stato conquistato uccidendo e uccidendo è conservato.

Nel video vedrete Fantozzi alle prese con la scheda elettorale e mette alla berlina tutti, tranne uno: Mario. Lui compare, compare soltanto, ma è tenuto lontani dagli strali di una satira che sa essere geniale (favoloso l’impatatamento su patata di Spadolini). Marionon suscita la satira di Fantozzi guascone nazionale, colui che ha affidato alla storia italiana “una cagata pazzesca”.

Non compare Mario, ma la regia o il destino, fermano il Manifesto e la Ferrari in un unica mazzetta confusa tenuta stretta tra le braccia di Fantozzi, perché anche se Fantozzi ha paura, trova sempre però il modo di dirlo agli altri che c’è da averla, nascondendo l’intento di “anni formidabili”: farsi la Ferrari e infatti di soldi ne hanno fatti a palate, tranne i soliti scemi che ci credevano davvero.

Guardate il video e capirete che anche Fantozzi ha paura e dunque quel potere è cosa seria: spara per una Democrazia Mortuaria che sa di cavallo verde apocalittico e forse questo terrorizza Fantozzi tanto da fargliela fare sotto quella “cagata pazzesca”.

Mario, dammi un martirologio precedente al 1587 e ti dimostrerò che quel tuo desiderio di non morire idiota era solo una banale aspirazione non necessariamente suffragata dai fatti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.