666: Luca e la genealogia del male

Il 666 di Apocalisse è stata la fonte d’innumerevoli tentativi di scioglierne il senso che non è solo simbolico, a meno che non sia la nostra incapacità a giustificarne la presenza nella Scrittura.

Da parte nostra, si contano alcuni tentativi per collocarlo storicamente, cioè quando quel 666 esprime il suo contenuto nella storia e per questo, seguendo questa linea interpretativa, siamo giunti a Costante II ribattezzato Caino dal popolo perché aveva ucciso il fratello.

Un Costante II regnante, non a caso, nel 666 d.C. a riprova del percorso logico e storico compiuto per venirne a capo. Il senso storico, tuttavia, non si esaurisce in Costante II, perché sorprendentemente, esso appare anche nella genealogia lucana e dunque nell’alveo, storico, dell’Antico Testamento facendo il suo ingresso non solo nei patriarchi post diluviani, ma all’epoca del crollo della torre di Babele, da sempre sinonimo del male, forse per eccellenza, quello che infatti giunge a sfidare Dio.

La nostra genealogia lucana, rispettando l’elenco, sappiamo che si snoda attraverso tranches che partono da Adamo e contano, da lui, 10 generazioni di 106 anni fino a Noè.

Poi, da Noè, ne contano altre 12 di 74 anni fino ad Abramo

In seguito, da Abramo, giungono a Davide attraverso 17 generazione di 58

Infine, con generazioni di 23 anni, giungono a Gesù.

Il prospetto appena riassunto è importante solo però limitatamente all’ammontare di anni di ogni singola generazione seguendo le tranche, perché a noi interessa, in questo post, dare un volto ben preciso alla strana cifra che si ottiene moltiplicando 74×9, cioè considerando 9 generazioni tra Noè e Abramo e raggiungendo, così, Serug che, tra i significati ancora sfuggenti del suo nome, ne ha uno che richiama il dilagare del male (Wiki).

Ecco allora che la genealogia lucana esprime quel male contenuto nel nome proprio (Serug), perché 9 generazioni di 74 anni, quelle necessarie a ottenere Serug partendo da Noè, danno un totale di 666 anni (74×9=666) mettendo noi in grado di dare un’altra accezione al simbolo che diviene storia nella misura in cui la genealogia lucana la riassume sebbene seguendo una linea genealogica.

Credendo fermamente nella bontà della nostra genealogia lucana, che non possiamo linkare non disponendone più a causa di un plugin divenuto insostenibile economicamente , crediamo altresì che non solo abbiamo calcolato esattamente le tranche, ma anche che quel 666 che compare associato in Serug, simbolo del male biblico dilagante stando all’origine del suo nome, non compaia a caso dai calcoli, perché sarebbe comparso altrove, non proprio in Serug quando “tutti si erano volti a commettere ogni specie di peccato” (wiki).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.