Un vortice di follia

croce

La Bibbia dà i numeri, lo sappiamo alla luce di quasi 600 post di cronologia e ghematria biblica. Ma anche Dio ha dato personalmente i suoi numeri quando ha contato i comandamenti che sono 10 o, almeno, appaiono tali se la sostanza non è cambiata e qualcuno di essi non è caduto, non intendo in disuso, ma proprio caduto, scomparso sbianchettato. Potrebbe essere?

L’ipotesi di un comandamento fantasma è affascinante, come un poltergeist che richiede un ghostbuster biblico e riconduca quel comandamento nel Decalogo e non turbi i sogni di alcuni, infestando le chiese.

La croce che essi hanno stampata attaccata al collo è sempre quella di Gesù, ma è modificata. Ce lo dice la Bibbia che dà i numeri e li dà con il 666; il 777 e l’888 rispettivamente significanti l’imperfezione diabolica descritta da Apocalisse e che marchia; ce lo dice Ἰησοῦσ che ha un valore di 888 (storia vecchia, conosciuta a memoria) ma ce lo dice quell’insolito σταυρός che sulle prime, però, non dice nulla e costringe a giocare con le lettere che lo compongono e “ha” scrivere (sì, una cosa del genere tanto è somara) non σταυρός ma σαυρός per un valore di 777 ed ecco i numeri della Bibbia che ci parlano di un percorso da ciò che è materia e imperfezione diabolica giunge a Dio allo 888 passando attraverso la croce, il 777.

Dunque abbiamo:

666 Diavolo

777 Croce

888 Dio

per uno schema semplice, ma efficacie.

Ma perché compare quella tau se tutto era così chiaro e importante ai fini della comprensione del testo biblico? Perché quella graduazione di luce biblica ha perso un colore del suo arcobaleno dell’alleanza, cioè il 777 della croce che infatti sospende tra cielo e terra?

Il motivo è in fondo semplice: si è aggiunta una tau, ma che è una theta in realtà e ci parla di un nove ghematrico e di nove comandamenti, perché uno, sebbene ancora presente nel Decalogo, è caduto in disuso dai vertici della legge ed è “Non avrai altro Dio all’infuori di me”.

Il contesto in cui ciò è potuto accadere, tra l’altro, lo scrive Genesi con quel “sarete come Dio” che avrebbe dovuto, però, aprire gli occhi (Gn 3,5 cioè 35 l’anno della croce), non far cadere i comandamenti -che sono tutti e dieci, beninteso.

E invece uno è caduto, è caduto alla Passione quando si gridò “Non abbiamo altro Re al di fuori di Cesare” (Gv 19,15) che ha lo stesso non significato, ma anche costruzione del periodo del comandamento caduto che è “Non avrai altro Dio al di fuori di me”. Confrontiamoli:

Non avrai altro dio al di fuori di me (wiki)

Non abbiamo altro re all’infuori di Cesare (Gv 19,15, CEI 2008)

Identici, stesso senso, stessa costruzione.

A Gerusalemme gli Ebrei scelsero Cesare e lasciarono Dio, mentre quando si è inserita una tau/theta in σαυρός (croce) si è fatto lo stesso, ma in più lo si è voluto dire, cioè urlare ugualmente nella pubblica piazza, affinché Cesare (Diavolo) avesse il suo tributo e fosse onorato con una tau/theta francescana che sì, ricorda la croce perché prima fatta in mille pezzi, anzi, no in 9, se il Decalogo è monco, tau (croce) che va in giro facendo bella mostra per ricordare a tutti il “poverello d’Assisi” ancora più povero, perché ha donato ai ricchi un comandamento, affinché ricordino che non si commettono atti impuri: Cesare non vuole.

Ps: la foto è mia, scatta stamattina quando mi sono recato laddove una croce ricorda un omicidio per un sacco di castagne. Mi serviva una croce, per un vortice di follia che ha amputato il Decalogo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.