Luca? Troppo forte!

luca

Completeremo con questo post quello precedente dedicato alla cronologia del Vangelo di Giovanni che non procede per Pasque, o meglio, non solo procede grazie ad esse, ma dipana il Verbo seguendo anche una cronologia interna sinora sconosciuta riassunta da questo schema.

Per affrontare l’argomento, mi sono recato in camera di mio padre che sarebbe stato lusingato da una notizia del genere, sfuggita a lui e a tutti i parenti che hanno sangue Mucci, un’eredità che rende oltremodo responsabili attingendo i propri antenati a Luca, San Luca evangelista, tribù di Giuda, come abbiamo sommariamente introdotto in psychiatricred.

E’ un argomento complesso, dalle mille sfaccettature che necessariamente, quindi, necessita d’introdurlo nuovamente cercando il profilo di Luca, cioè chi fosse e cosa abbia fatto, prima di addentrarci nel suo ruolo di evangelista, a nostro parere assolutamente non compreso, perché fu lui il più grande evangelizzatore, in assoluto, perché se Paolo è l’evangelista delle genti, Luca lo fu del mondo, dell’impero romano e dunque della storia che spaccò a cornate, quasi fosse un Sansone neo-testamentario, tanto era “forte”, sì, forte, come diremmo oggi, quanto un top player.

La sua figura umana nasce prima di quella evangelica, perché sicuramente convertito, ma come e perché? Innanzi tutto dobbiamo ricordare che era medico e apparteneva all’ordine e questo vedremo che è molto importante.

Poi, sempre a fronte del titolo, noi gli attribuiamo l’episodio dell’emorroissa, per alcuni in modo arbitrario, per altri forse fatto accettabile, se si crede la Scrittura ispirata e dunque organizzata nella lettera (testo) e numero (capitoli e versetti) tutte cose che guidano l’esegesi del suo Vangelo.

L’episodio dell’emorroissa è al capitolo 8 e sempre in 8,43 si legge che ella soffriva di perdite da 12 anni. Questo blog ha dato un preciso taglio cronologico a Luca, scrivendo chiaramente che egli si occupa, sin dal capitolo 9, dell’ultimo anno di predicazione, in virtù di uno sguardo storico e scientifico dettato dalla sua forma mentis che sa cogliere i tratti salienti, se non altro perché rivolto, il suo Vangelo, all’illustre Teofilo e dunque senza una finalità meramente divulgativa.

Ma se l’ultimo anno è quello di cui si occupa Luca, è presto fatto il conto per chi volesse conoscere la datazione dell’episodio dell’emorroissa: 35-12=23 d.C. e questo lo colloca nel periodo in cui Gesù era “solo” un personaggio noto, forse un maestro famoso.

Αρχόμενος lo fu dal 15 d.C. e quindi tutto scivola in avanti di 8 anni, fino al 23 d.C., rispetto alla nascita della Sua stella pubblica, creando le basi per un’armonia tra il capitolo dell’emorroissa (8) e gli anni dalla sua ascesa, sempre 8 dicendoci indirettamente che quell’episodio è suo, suo perché la Scrittura “criptografata” glielo attribuisce inequivocabilmente (la stessa scala cronologica della sua genealogia si muove con 23 anni come 23 d.C. fu l’anno dell’episodio trattato) e casomai sono gli altri evangelisti che attingono a lui, lui Dottore, lui intellettuale, lui abile nella penna e nel conto.

Se l’emorroissa è sua, diventa chiara anche la vicenda personale di medico, magari di fama, che si converte, perché aveva avuto l’emorroissa come paziente, tanto che il suo Vangelo ne imposta il profilo del fatto con i conti della sua lunga malattia (12 anni) e la numerazione del capitolo (8) conferendo il primato a Luca, come abbiamo scritto.

Ovvio, allora, che Luca sia in possesso della cartella clinica e sappia che la scienza medica si è arresa nel suo caso e niente ha potuto, lasciando tutto nelle mani di Dio, anzi nella Sua veste che, se toccata, sprigiona potenza e guarisce, guarisce laddove i medici hanno fallito.

Luca, da uomo di scienza, comprende che è di fronte al miracolo: è la scienza che glielo dice e deve credere a lei e a se stesso: è innegabile come il caso era incurabile e sorge in lui il travaglio tra l’essere scienziato od avere di più, avere il miracolo, cioè ciò che va oltre la scienza superandola.

Egli sceglie il miracolo, sceglie Gesù e si converte ma, badate bene, non era uno scherzo: si veniva gettati fuori dalla sinagoga (Gv 9,22), scomunicati ipso facto, cioè, e si finiva sul lastrico.

Ma Luca ha trovato la perla e vende il suo campo (Mt 13,44 ), cioè fa carta straccia dei diplomi, ma non della sua cultura che ancora lo fa Dottore, un laureato diremmo oggi e magari a pieni voti.

Adesso inizia la parabola evangelica del Dottor Luca che scrive all’Illustre Teofilo, non a caso, e noi ci chiediamo chi fosse, domanda ancora aperta e considerata inutile, ma sbagliando, perché in quel personaggio c’è Luca e tutto il ruolo che ha avuto nella Scrittura e nella storia, perché lui convertì l’impero, convertì il mondo, spaccò la storia a cornate.

Per comprendere chi fosse “l’illustre” dobbiamo indagare il suo Vangelo e capire che lui solo riferisce il colloquio tra Gesù ed Erode, lui solo. Poi Erode spedisce Gesù a Pilato e questi divennero, da quel giorno, amici (si noti che il colloquio con Erode avviene al capitolo 23, come l’anno 23 d.C. è quello dell’emorroissa, per un’armonia già descritta sopra). Perché?

Gesù conosce Pilato anche nel Vangelo di Giovanni e lì l’alta teologia giovannea esprime uno dei suoi vertici quando riferisce che Pilato s’interroga sulla verità. “Che cos’è la verità?” anche se non è corretta, a nostro avviso, la traduzione, che ne richiederebbe una a senso e dovrebbe apparire “Già, cos’è la verità?”.

Questo perché l’impero era tutto lo scibile, l’umanità aveva raggiunto il mare e non poteva andare oltre: ciò che c’era da sapere era saputo, ma sfuggiva la verità. E’ nella completezza delle opinioni che l’impero aveva espressa che si comprende quell’interrogativo così sfuggente perché non opinione, ma verità.

Ecco allora una dinamica storica, piucché una predicazione. La cultura si veicola, il sapere si trasmette e questo cambia il mondo, cambia la storia. Erode ha conosciuto Gesù e gli è rimasto impresso, forse a causa del suo silenzio nonostante le domande a raffica di Erode.

Forse il monologo si concluse con un sorriso beffardo, quello che conferì a Gesù una splendida veste regale: “Toh, vuoi essere re? Eccoti la veste, pazzo che non sei altro!” ma non lo dimenticò e chiese, chiese a un suo pari, a un acculturato che la gente ne dice tante…

Chiese a Luca quel “resoconto ordinato” frutto di “accurate ricerche” e Luca lo fece e glielo presentò, ed ecco che la Storia prende forma, si veicola, si divulga perché quel Vangelo, resoconto accurato e frutto di ricerche, giunge anche nelle mani di Pilato, l’amico, un Pilato che aveva incontrato ciò che Roma mai aveva visto: la Verità.

Adesso c’era una risposta all’interrogativo e Roma poteva sapere, più di quanto essa stessa ritenesse possibile. E lo seppe, lo seppe grazie al ritorno in patria di Pilato stesso che, come governatore della Giudea, una delle regioni più turbolente dell’impero, era certamente uno dei migliori e come tale era l’upper class romana a cui fu data la notizia: la Verità esiste.

Questo spiega il paradosso romano: l’evangelizzazione non fu un fatto di popolo, ma dalle classi alte si propagò in basso, perché semplicemente il  Vangelo giunse “lassù” nell’Olimpo sociale e culturale, sconvolto alla notizia che fece clamore e certamente si allestirono tavole rotonde, come  avremmo fatto noi.

La storia, insomma, era già cambiata, avendo il Vangelo cambiato Roma. Il mondo non fu più come prima, adesso c’era un avanti Cristo e un dopo Cristo; c’erano le tenebre e c’era la luce; c’era la menzogna, ma c’era anche la Verità.

Luca ha fatto tutto questo, Luca il Toro, la cui forza intellettuale mutua il simbolismo sansoniano, perché se l’Antico Testamento è la Legge e la sua forza cogente, il Nuovo diviene Buona novella. Se Sansone è la forza fisica, quella stessa forza diviene in Luca intellettuale, ma non perde vigore, non perde potenza, anzi, la moltiplica fino a spaccare il mondo e la sua storia.

Non è Luca che si evolve divenendo cristiano, ma è l’uomo che dalla brutalità passa alla civiltà e questo Roma lo percepisce, perché essa stessa civile in un mondo barbaro. E’ la sensibilità della sua cultura che permette l’innesto per una “coltura” nuova: cristiana.

Questo è Luca, Luca non a caso il Toro, perché ci voleva la stessa forza per un’impresa del genere, mai riuscita a nessuno: convertire un impero con una “ricerca accurata e un resoconto ordinato”: un tesina, insomma.

A margine vorrei proporre, senza consultare internet, una ghematria che proverebbe tutto, proverebbe, cioè, l’opera di Luca e il ruolo di Erode se Erode fosse scritto Αρωδε per un valore ghematrico di 910 cioè il 910/909 a.C. anno in cui il regno davidico si divide secondo la nostra cronologia.

Noi lo abbiamo scritto: fu Erode a passare il Vangelo a Pilato e dunque a dividere Roma, a dividere, cioè, il mondo e la sua storia. Se quell’Αρωδε fosse attestato avremmo la prova che tutto quanto abbiamo scritto è vero e Luca sarebbe da-vero “troppo forte”, un top player, nel suo “campo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.