Crash must go on

cruashMi vedo costretto a informare i lettori che le Forse dell’ordine hanno deciso di farmi fare un incidente in auto, non so quanto brutto. La presenza costante, da oltre un anno a questa parte, di una pattuglia lungo il mio cammino, giustificato solo dalla necessità medica di mia madre, padre e mia, mi rende certo che sono stato, come scrivono, “attenzzionato”, ma finora mai avrei pensato che si potesse progettare contro di me un frontale in curva chiusa con un nipotino di sei anni a bordo, come stamani.

Già due giorni fa si cercò la mia morte in una curva chiusa ma veloce, in cui io procedevo a velocità sostenuta ma tenendo saldamente la mia mano. Questo ha impedito che mi scontrassi con la Jeep dei Carabinieri che ha quasi invaso la mia corsia, mentre il giorno prima, quella stessa Jeep, si era limitata ad avvertirmi, pedinandomi fin quasi a casa standomi al culo (stamani, dopo il rischio corso, l’ho solo incrociata, di nuovo, ancora).

La mia guida prudente mi farà salvo solo finché non decideranno, per farmi fuori, di invadere completamente la mia corsia di marcia o altro (è facile provocare un incidente se si hanno mezzi). Allora non potrò più nulla e il blog rimarrà silente perché io ricoverato in ospedale o morto.

Forse gli stranieri che seguono il blog non sanno che nei Carabinieri si entra solo grazie ai buoni uffici dei preti, quegli stessi che hanno falsata la Scrittura e distrutto il lago del Valdarno (Pelago). La Chiesa (mafia) ha ucciso per molto meno, spero solo che, con questo post, il mio omicidio non risulti, agli occhi dei fedeli, “cosa buona e giusta” come recita la loro Messa.

Ps: non pensiate che mi sia fatto scudo col nipotino: mi ha chiesto di salire e accompagnarmi a Gioiello. Suo padre, cioè mio fratello, che era presente ha detto: “Sì, meglio, portalo pure con te che io ho da fare” e così l’ho fatto salire. Poteva farsi molto, molto male anche Gioele, mio nipote, ma non glien’è importato un bel nulla: crash must go on

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.