La legge, i profeti e Giovanni: quando una pericope è storia

battista_piero

La Legge e i Profeti fino a Giovanni: da allora in poi viene annunciato il regno di Dio  (Lc 16,16)

Molto è stato scritto su questa pericope e sembra addirittura strano che dopo 2000 anni ancora qualcosa rimanga da dire. Per il molto già detto ci si rivolga all’esegesi, per quanto ancora non detto, si legga qui.

Pericope senza tempo, sebbene si collochi e chiuda il tempo, in particolare quello della Legge e dei profeti. Sembra un abstract, cioè una espressione vaga, d’introduzione che non ha riferimenti precisi, tuttavia, a ben guardare, essa delinea un tempo molto preciso che non è quello della Legge, né quello dei profeti, né del regno dei cieli, ma storico.

Infatti, noi sappiamo da questo post quando è iniziato il tempo della Legge che ha ispirato i profeti, nel senso che ad essa facevano riferimento per il rispetto e il ristabilimento del culto che quella Legge ordinava.

Tale anno fu il 1422 a.C., terzo dell’esodo quando Israele riceve il Decalogo, i codici e istituisce i tribunali, tanto che noi abbiamo parlato di “anno giudiziario” per eccellenza, perchè da lì si apre l’epoca dei giudici che si concluse con Saul, ultimo giudice e primo re.

Quell’epoca, stando alla pericope citata, si concluse con Giovanni, ma più precisamente si concluse con il battesimo di Giovanni al Giordano nel 32 d.C. che segna l’inizio del ministero pubblico di Gesù.

La somma degli anni tra il 1422 a.C. e il 32 d.C. è 1454 (si veda categoria) e il caso vuole che noi conosciamo quest cifra che è una data, cioè il 1454 a.C. quando noi abbiamo fatto rientrare Mosè in Egitto.

Ci è sempre parsa data fondamentale non per questo, ma perchè 1454 è la ghematria di Μωϋσῆς (Mosè) che più di ogni altro riassume la Legge (Gv 1,17) e i profeti che giungono sino a Giovanni. Egli ne fu l’origine ricevendo il Decalogo, i codici e istituendo le corti di giustizia.

I profeti che seguirono altro non furono che l’espressione di quella Legge perché la Legge era la volontà di Dio a cui essi prestarono la voce. La coincidenza della ghematria di Μωϋσῆς con la durata del periodo tracciato dalla pericope non è tale, dunque, ma stabilisce un’identità tra Mosè e la storia a venire fino a Gesù e dunque quel periodo non è un’espressione vaga, astratta ma si fa storia tracciando dapprima una retta da Mosè (1422 a.C.) a Gesù (32 d.C.); poi un solco che divide la storia dicendoci che

La Legge e i Profeti fino a Giovanni: da allora in poi viene annunciato il regno di Dio

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.