La storia che non siamo noi

Nimrod_(painting)Un errore sarebbe forzare i numeri, mentre è giusto trovare in essi le relazioni nascoste ma solo se osservate nel particolare, perché una cronologia, se tale, cioè di respiro, è sempre universale e si rivela alla distanza.

La Bibbia, inoltre, gode dell’appellativo “sacra” e questo ci introduce quasi in un gioco di ruolo dove i protagonisti sono i numeri, cioè le cifre che compongono quella cronologia, dove ognuna ha il suo potere ed è inserita in un contesto che non è magico, lo abbiamo scritto, ma sacro che in fondo meglio

Ecco allora che quegli altari della storia terminano vicini a noi, se il futuro prossimo è già storia nella misura in cui la si può intuire, perché il 2020 è davvero alle porte, dopo il suo lungo viaggio a tappe (497 anni) iniziato con Davide, nel 1012 a.C  per la precisione; passando poi per le fondamenta del secondo tempio (465 a.C.); poi per il ministero pubblico di Gesù (32 d.C.) e da lì alla caduta dell’Olimpo (529 a.C.) e un a noi ignoto 1026; confluendo in seguito nel 1523 di Lutero e da lì a noi al 2020.

Questi sono gli altari della storia che abbiamo conosciuti e che segnano le epoche in cui la cronologia si esercita nella sua funzione: ordinare la storia che essi contengono. Ma non esiste solo quest’ordine nella cronologia, perché come è articolata la storia umana altrettanto lo è quella biblica e la sua cronologia, tanto che Giovanni ci parla di un’altra metrica nella sua Apocalisse ed essa sono i 1260 giorni (Ap 11,2) che noi applicheremo al nostro altare, cioè a quello a noi più prossimo, il 2020, sottraendo proprio 1260 giorni/anni per cadere nel 760 e da lì, non conoscendo quella storia, tolti altri 1260 giorni/anni, al 500 a.C. che invece lo conosciamo benissimo.

Quei 1260 giorni/anni sono quelli in cui Gerusalemme sarà calpestata (Ap 11,2), Gerusalemme città santa data in pasto ai gentili e infatti, fateci caso se siete in possesso delle nostre coordinate cronologiche, che il calcolo che abbiamo appena fatto cade nel 500 a.C. cioè nell’ultima deportazione babilonese (vedi tabella) dopo quella del 505 a.C. e da questo si capisce che se nel 505 a.C. Gerusalemme cadde, nel 500 a.C. fu calpestata perché ormai era in balia della storia, a cui non era in grado di opporre neppure una resistenza morale facendo appello del suo passato.

Dunque quei 1260 anni che segnano il Cortile esterno dato ai gentili ci ha condotto alla città di Davide ormai nella sua miseria, incapace di qualsiasi reazione e per questo persino calpestata dalle genti.

Quel Cortile dei gentili che Giovanni non chiede di misurare è la storia di una città che diviene metafora, perché in essa si consuma la storia dei Gentili, quella ben distante dalla storia universale e sacra contenuta nel ναός, luogo santo e sacro, come la storia che in se stesso racchiude, perché come Dio partecipava del ναός, così quello stesso Dio partecipa della storia umana che non è più, paradossalmente, dell’uomo ma progetto di salvezza, via alla felicità che procede da Dio e non da noi.

L’architettura del tempio, in quei suoi edifici principali (ἱερός e ναός,) sono la storia tutta: quella umana e quella divina, come sono due le vie alla salvezza procedendo l’una dall’uomo che ne fa luogo mercato e “spelonca di ladri” (Lc 19,46), l’altra da Dio che ne fa preghiera .

Nel post precedente abbiamo visto che il cavallo verde segna un movimento che nasce dall’uomo e con l’uomo è destinato a finire o, meglio, a finire come l’uomo: la morte, che non a caso cavalca il cavallo verde. Abbiamo detto che i versetti tradiscono la storia nella sua più sintetica espressione: la cronologia e dunque quel versetto 6,8 di Apocalisse fu, non caso, il ’68 che ha segnato indubbiamente un’epoca, ma non ha capito la dimensione divina della storia, tanto che ha confuso il potere con il Potere, cioè quello dell’uomo con quello del Maligno  a cui soggiace tutto il mondo, come scrive sempre Giovanni (1Gv 5,19).

La storia che ha scritto il ’68 è una storia “storica”, cioè frutto dell’uomo e per questo s’inserisce nel Cortile dei gentili, perché ai gentili appartiene e si rivolge quella storia, tanto che non fu e non è divina, ma frutto di una semina che non chiama alla mietitura, ma a una violenza “levatrice” per dirla con il suo ideatore, Marx.

Curioso diviene allora l’occorrenza di quel ἱερός che è l'”area del tempio” Cortile compreso, in ogni caso qualcosa di esterno al ναός, al luogo sacro e dunque alla storia storia sacra, perché progetto divino. Tale occorrenza è 68 come il ’68 è l’anno che segna, verosimilmente, l’ultima tranche di una storia progetto dell’uomo che si fa architetto, non potendo essere Dio ed ha costruita la sua torre, la sua storia, sfidando il cielo come Nimrod.

Come in tutte gli altari che si sono succeduti ci sarà aspra battaglia tra “vecchio” e “nuovo” cioè tra gli ultimi fedelissimi assertori di una storia “uomo” e coloro che vorrebbero riportare Dio sulla terra, cioè nella  storia. Ciò è inevitabile: l’inveterata opinione che l’uomo ha di se stesso come artefice del proprio destino, nonché della via alla felicità, a un paradiso de noantri, non cederà spontaneamente il passo a Dio, tanto che al campo di battaglia si è dedicato un inno, piucché una poesia, cioè “Padre nostro che sei nei cieli restaci” (Prévert) cosa che farà, ma non per molto: la storia è Sua, belli, e la rivuole indietro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.