Saul, l’ultimo giudice o il primo re?

saul

Ieri ci siamo lasciati con la quasi certezza che la cronologia interna dei Giudici è corretta. Quei 410 anni totali che segnano il periodo cadono, partendo da Davide, l’anno che uccise Golia, cioè il 1012 a.C., nel 1422 a.C., terzo anno dall’esodo che apre una cronologia la quale in tutto assomiglia a un anno giudiziario, perché s’istituiscono le corti di giustizia, oltreché ricevere, quelle stesse corti, il Decalogo, tanto che se quest’ultimo appare il codice penale, i codici legislativi sono quelli civili.

Tuttavia le problematiche legate al Libro dei giudici non si esauriscono tracciando solo un solco cronologico, ma seguendone tutto lo sviluppo per come tracciato dai Giudici stessi che offrono per ognuno di loro il tempo d’incarico, il quale è ciò che ha permesso il calcolo dei 410 anni totali.

Noi abbiamo ricavata una tabella del loro impegno ed è la seguente

[table id=14 /]

Come si nota, noi abbiamo ipotizzato nell’originale, cioè il testo scritto prima della contraffazione, non Sansone, fuori contesto cronologico come a suo tempo, lo abbiamo visto, lo sarà Elia e dunque non è il primo caso di scambio di persona rilevante penalmente, ma Saul perché è lui che fa quadrare i conti. A dire il vero, però, dobbiamo essere più precisi perché se  considerassimo i 40 anni di At 13,21 otterremmo un totale di 430 e salterebbe il 1422 a.C.

Tuttavia Saul regna 40 anni totali, sebbene il giudice che lui dovrebbe rappresentare ne dovrebbe coprire 20 affinché il conto torni. E’ per questo che noi diamo ragione sia a At 13,21, che a Giudici 15,20 immaginando un Saul sia giudice, sia re e questo lo avevamo ventilato ieri quando scrivemmo che la sua figura è tutta da rivalutare, perchè non sapevamo se fosse l’ultimo giudice o il primo re, mentre adesso appare entrambi.

In fondo è la sua vita, il suo conflitto mortale con Davide che consiglia l’ambivalenza di ruolo, poiché in quei due personaggi biblici non si consuma solo una lotta personale ma tra due epoche: l’una (quella dei Giudici) al tramonto; l’altra quella monarchica al suo sorgere e quindi il conflitto tra tenebre (la notte del passato) e luce (l’avvenire) era inevitabile. Ciò ne fa un periodo affascinante che rivaluta un personaggio, Saul 8vedi anche categoria perchè ci siamo già occupati di lui), che appare drammatico condensando in sè tutta la lotta, come drammatica fu la sua fine violenta.

Dicevamo che egli fu entrambe le cose, cioè sia giudice, sia re e questo per 20 anni per ciascun ruolo, cosicché abbiamo che partendo dagli albori del suo potere, il 1052 a.C, arriviamo al 1032 a.C. anno in cui esaurisce le sue funzioni di giudice per assumere, fino al 1012 a.C. quelle di re.

Ecco allora che la tabella relativa ai giudici d’Israele diviene corretta, perché annovera solo il Saul giudice per 20 anni dal 1052 a.C. per poi consegnarlo alla monarchia. E’ un ipotesi che credo fondata, che  avvalora sia i 40 di At 13,21, sia i 20 di Giudici 15,20 ma noi vogliamo essere sicuri e per esserlo ci rivolgiamo alla ghematria, spesso lume oltre la ragione, l’unico capace di dirci se siamo nel giusto o meno.

Analizzeremo quel 1032 a.C. che segna lo spartiacque alla sua luce per scoprire che, grazie al nostro solito programma (questo), il 1032 è il valore ghematrico di ותורתך (Deut 33,10) che significa, tradotto, “e la tua Torah” cioè la tua Legge. Credo sia facile comprendere il senso che ci offre la ghematria se ci occupiamo di Giudici e stiamo indagando la loro fine.

Quel “e la tua Torah” ci parla di quella stessa Legge che loro come giudici amministravano e il fatto che il valore ghematrico coincida con l’anno che noi abbiamo detto essere quello di chiusura “dell’anno giudiziario”, cioè dell’epoca dei giudici, ci fa certi che veramente la Legge (dei Giudici, cioè la giustizia da essi amministrata) finì in quell’anno cedendo il passo alla monarchia.

Cosa per altro avvenuta per volontà popolare la quale, sulla scorta dei regni confinanti, desiderava anch’essa un re (1Sam 8,4) e questo gettò le premesse affinché l’epoca da loro segnata fosse superata da quella monarchica.

Nel 1032 a.C. si consuma l’ultimo atto di una giustizia che era nata nel deserto e forse non più adatta ai tempi che chiedevano una monarchia. la Legge non cambiò, ma le corti di giustizia furono radicalmente trasformate, tanto che nessuno le trovò più e i Giudici, come ai giorni nostri, andarono in pensione.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.