Da Mosè a Gesù, le settimane sante

vienna-affresco-di-gesù-con-mosè-e-il-eliah-38220782Mi dedicherò a un post breve, sebbene l’argomento costringerebbe a una rilettura profonda della Lettera agli Ebrei di Paolo. Non possiamo concedercelo perchè altrimenti dovremmo a ogni piè sospinto aprire enormi parentesi di ricerca che ci condurrebbero altrove rispetto alla meta fissata: una ricostruzione cronologica che dedica poco spazio alla riflessione affidandosi all’evidenza dei numeri.

E’ così allora che proporremo Gesù sommo sacerdote mosaico, perchè uno dei temi della lettera paolina citata è proprio il sacerdozio ebraico che nell”Antico Testamento faceva riferimento a Mosè istitutore, il quale sacerdozio è stato superato da Cristo che però rivendica quell’origine mosaica anche quando afferma che Mosè ha scritto di lui Gv (5,46).

Il contenuto della lettera paolina costringerebbe -lo abbiamo scritto- a una attenta riflessione che magari coloro che leggeranno il post faranno, noi vogliamo confermarla solo cronologicamente, sapendo che il calendario delle settimane regolava il culto e ciò ci ha permesso, quindi, nel post precedente, di provare che Alcimo, ultimo sommo sacerdote aronita, chiuse non solo una dinastia, ma un’epoca, quella vetero testamentaria, come del resto conferma l’antica Vulgata che con i Maccabei chiude l’Antico Testamento.

Infatti quell’anno 153 citato da 1Mac 9,54 conduce, attraverso il calendario delle settimane, proprio al 1425 a.C. anno dell’esodo secondo la nostra cronologia e questo collega Alcimo direttamente a Mosè e ad Aronne, dai quali infatti Alcimo stesso rivendicava l’origine.

Ci chiediamo adesso se quel legame con Aronne e Mosè si stringa anche con Gesù sommo sacerdote di cui Mosè ha scritto (Gv 5,46). Sarà sempre la chiave cronologica a introdurci nel nuovo sacerdozio di Cristo attraverso lo stesso calendario delle settimane utilizzato nel precedente post verso l’alto (dall’anno 153 all’esodo), mentre adesso compiremo il processo a ritroso, verso Gesù, per scoprire che dopo quegli stessi 4 cicli lunghi (294 anni ciascuno) e 39 cicli brevi (ciascuno di 6 anni) si cade esattamente nel 15 a.C., anno di nascita di Gesù secondo la nostra cronologia.

Questo avviene perchè 4 cicli lunghi sommati ai 39 brevi danno un totale di anni pari a 1410 (1176+234=1410) che si somma al 15 a.C. (anno di nascita di Gesù) ottenendo il 1425 a.C. anno dell’esodo e anno dell’istituzione del sacerdozio aronita e mosaico.

E’ solo con il nostro 15 a.C. che il calendario delle settimane esprime tutta la sua potenzialità, perchè quel 15 a.C. sintetizza l’intera cronologia biblica riassumendola, essendo l’anno di nascita di Colui che, pur avendo superato l’Antico Testamento, ne fa parte integrante attingendo il proprio ministero sacerdotale laddove esso è stato istituito: Mosè e Aronne, nel 1425 a.C.

Credo che sia opportuno anche far notare che se ha convinto il post di ieri ,il quale ha evidenziato proprio quel 1425 a.C., altrettanto convincerà il fatto -matematico direi- che in alcun modo è raggiungibile, seguendo lo stesso percorso, il 6/7 a.C. come data di nascita di Gesù universalmente accettata. Saltano i conti, degli altri però; i nostri filano via lisci allegramente tra Mosè e Gesù, come deve essere tra buoni amici.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.