Sicario, l’assassino è nascosto nel tempio

sicario

Un sicario, nel lessico criminale, è l’esecutore materiale di un omicidio, tipicamente perpetrato dietro incarico di un mandante e per denaro.

Questa è la definizione che wiki dà del sostantivo sicario, ancora in uso nel lessico criminale e giudiziario. Dunque è colui che compie l’omicidio per conto di un mandante che rimane nell’ombra.

Terminologia moderna, è vero, ma dalle radici antiche perchè affondano nel giudaismo estremista, in particolare nella fazione più violenta e radicale degli zeloti.

A noi, come al solito, è venuto in mente di riportare il lemma in greco, affinchè anche la ghematria possa contribuire alla definizione alla contestualizzazione del lemma, non necessariamente nel passato, come non solo nel passato si colloca il significato di sicario, ancora in uso.

Il valore ghematrico di σικααριος è 417, ma se aggiungessimo una alfa, sebbene sia già di per sè esplicativo, avremmo un tondo 418, cioè un 418 a.C. anno della dedicazione del secondo tempio seguendo la nostra cronologia che denuncia la falsità della storia relativa alla cronologia del tempio gerosolomitano.

Cosa questa non di poco conto, perchè si ammazza per molto meno. Immaginate, infatti, cosa significherebbe lo scivolamento verso il basso di un secolo dell’intera cronologia biblica. Quanti manuali, quante cattedre, quante teste finirebbero al macero? Ve lo dico io: la quasi totalità, una catastrofe insomma, perchè l’intero mondo accademico ne uscirebbe distrutto divenendo una barzelletta.

Adesso immaginate cosa significherebbe lo scivolamento verso il basso, cioè di un secolo, della cronologia dell’intero Vicino Oriente Antico: quanti manuali, quante cattedre e quante teste finirebbero al macero? Ve lo dico io: la quasi totalità e con essa tutto il consensus del mondo accademico.

Adesso immaginate cosa significherebbe lo scivolamento verso il basso di tutto l’asse cronologico magisteriale cattolico, ortodosso, protestante, anglicano e geovista (la finisco qui): quanta parte dell’esegesi finirebbe al macero, quanta parte del magistero alle ortiche, quante cattedre diverrebbero effettivamente ex cathedre? La totalità ve lo dico io.

Ecco, questo è lo scenario che per sommi capi si aprirebbe ai vostri occhi se la dedicazione del secondo tempio non fosse più datata nel 515 a.C. ma nel 418 a.C. compiendo una strage.

In questo senso, allora, vengono in mente i sicari o, giusto per adoperare un linguaggio fantasy, i guardiani del tempio, quello falso, ovvio, che non lesinano a uccidere tutti coloro che lo minacciano e con esso minacciano la menzogna imposta di regime.

La coincidenza ghematrica di σικααριος il cui valore è quasi perfettamente uguale all’anno della dedicazione del secondo tempio qualora questa fosse giusta, ci riassume tutto un sistema religioso che ha in loro, cioè negli assassini (il sicario è un assassino), la sua difesa.

Capite bene allora che non è un caso che qualora giocassimo con il greco e scrivessimo Mossad come Μοσσαδ otterremmo un perfetto 515 che equivale al 515 a.C. che guarda caso coincide con la falsa datazione del secondo tempio universalmente non accettata ma imposta a prezzo non della carriera, ma della vita.

Certo le pugnalate dei sicari non sempre sono fisiche, perchè anche un’offesa può essere una pugnalata al cuore, alla schiena o sfregiarvi la faccia avendo, tra l’altro, il vantaggio di non versare neanche una stilla di sangue.

Per il pubblico, poi, ci penserebbe l’immancabile sceneggiata “paraocchi emozionale”, perchè la violenza scandalizza sempre e quindi è necessaria. Allora si rende la faccenda  “cosa buona e giusta” come recita la Messa cattolica, e magari compiuta in nome di Dio  per la salvezza dell’anima del peccatore il quale, poveretto, ha il solo torto di dire la verità.

Non necessariamente il sicario è prezzolato, perchè il mondo è popolato di utili idioti che si sporcano le mani con il crimine convinti, uccidendovi, di “rendere culto a Dio” come espressamente scrive Giovanni in 16,2, salvo poi capire che oltre che essere idioti sono pure assassini, sicari appunto e gratuitamente, sia mai che vogliano qualcosa: tengono solo alla ricompensa di Dio e il denaro li offende.

Ecco contestualizzato un lemma che nasce nell’antico giudaismo ma che proprone la sua efficacia anche oggi se ti azzardi a varcare la porta del tempio santo (418 a.C.), mentre se rivolgi le tue preghiere alla menzogna (515 a.C.) la santità è assicurata e hai salva la vita e la coltellata magari la ricevi dalla moglie perchè non hai portato fuori il cane a fare i suoi bisogni, immancabilemente fatti in casa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.