Giovanni 1,32: la storia in un versetto

colombaIl ministero pubblico di Gesù inizia con il Suo battesimo sulle rive del Giordano ad opera del Battista. La datazione è fluida quanto mai, non essendovi certezze sulla data di morte del Cristo (la stessa Chiesa cattolica oscilla fra il 30 d.C. e 33 d.C.)

Questo blog da sempre ha indicato nel 32 d.C. l’inizio del ministero, tanto da farne non solo un caposaldo dell’anagrafe gesuana, ma dell’intero calendario sabbatico e giubilare, perchè il 32 d.C. fu sia l’uno che l’altro (di qui la soluzione del sabato deuteroproto lucano che data quel battesimo).

Da questo si capisce che si tratta di un anno fondamentale e forse, alla luce di quanto stiamo per dire, addirittura il più importante se un Vangelo ha voluto, a suo modo, confermarne la data, che poi è la nostra, cioè il 32 d.C.

Che io sappia, nessun altro ha mai indicato il 32 d.C. come anno d’inizio del ministero pubblico, perchè fa saltare tutte le cronologie esistenti. Magari mi sbaglio, ma non mi sbaglio a scrivere che veramente quell’anno fu speciale e dopo un piccolo passo indietro vedremo perchè.

Vi ricordate quanto scritto a proposito del passo dell’adultera e la sua collocazione? Lì abbiamo visto che solo quella collocazione permette di ottenere il versetto 8,46 laddove un ipsissima verba afferma che Gesù è senza peccato.

Abbiamo scritto che quel 46 che indica il versetto allude a Gv 2,20 in cui i Farisei obiettano che ci sono voluti 46 anni per costruire non il tempio genericamente, ma il Santissimo, cioè il naos.

Tutto questo fa sì che Gesù dica di essere senza peccato come senza peccato è il Santissimo, rendendo Gesù stesso il Santissimo, il nuovo naos. La perfetta coincidenza tra numerazione del versetto e contenuto appare sin da subito non casuale, ma ispirata, come del resto suggerirebbe l’appellativo di Sacra che da sempre accompagna la Bibbia.

Un caso per molti versi simile, se non uguale, è proposto sempre da Giovanni nel suo Vangelo e riguarda l’anno d’inizio del ministero pubblico, perchè l’evangelista scrive che Giovanni battista vide lo Spirito Santo sotto forma di colomba scendere su Gesù al versetto 1,32 del suo Vangelo.

Sapendo da tutti e tre i sinottici che l’inizio del ministero coincise con la discesa dello Spirito Santo sotto forma di colomba, il dato che offre la numerazione del versetto conferma non solo che quelli furono i fatti ma che accaddero proprio nel 32 d.C., come da sempre sosteniamo.

E’ già il secondo caso che Giovanni pone alla nostra attenzione, la quale spesso usa i versetti come nota bibliografica quando, mi  pare di poter dire, hanno anche una funzione storica, con buona pace dei profani, incapaci d’intendere le poche parole o cifre di ciò che è sacro, come la Bibbia.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.