Il figlio della perdizione e il gregge apostata: le magnifiche vesti di un re nudo

Uno dei passi più inquietanti dei Vangeli è certamente 2 Tes 2,3 dove il mysterium iniquitatis è descritto in tutta la sua drammatica dinamicità. Nessuno ne è venuto a capo sinora, forse perchè solo affascinato dal mistero, cosa che ha fatto pensare solo a una generica e infondata epifania del male.

Certamente il testo paolino è oscuro, ma non abbastanza se se rifuggiamo dalla fioca luce della ragione, la cui intelligenza si arena nelle pagine impegnative dei Vangeli. In questi casi la ghematria è quella torcia folle che sinora nessuno crede di poter accendere, timido di fronte alle risate della scienza.

Noi non abbiamo mai avuti di questi problemi, tanto che ce la siamo sentita di impugnarla anche laddove pareva assurdo. Ci abbiamo sempre creduto a quella Sapienza che ne intride la stoppa e la fa ardere, illuminando le nostre Letture. Lasciate allora che lo facciamo anche stavolta, dando un contenuto a a quella ἀποστασία (apostasia) che avrà facile mercato non fuori dal gregge ma ben dentro di esso.

Il valore ghematrico di ἀποστασία è 863 che noi ridurremo, inserendo il valore in un calendario, al 863 a.C. che è, nella nostra cronologia dei Re il ventiseiesimo regno di Asa, quando cioè, esattamente, fu unto re Ela, re sfortunato perchè rimase sul trono solo un anno.

La congiura che lo fece fuori è descritta sia da 1Re 16,9-10 che in Cronache, Libri che ci dicono anche che sul suo trono salì proprio l’assassino che aveva congiurato contro di lui. Dunque quell’apostasia, grazie alla lettura ghematrica, assume concretezza nella sua dinamica: un complotto finalizzato non solo a spodestare il legittimo re, ma anche a ucciderlo.

Adesso è la lettura di 2Tes 2,3 che ci aiuta a comprendere ancora meglio, per cui la proponiamo:

Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, 4 colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio.
5 Non ricordate che, quando ancora ero tra voi, venivo dicendo queste cose? 6 E ora sapete ciò che impedisce la sua manifestazione, che avverrà nella sua ora. 7 Il mistero dell’iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo chi finora lo trattiene. 8 Solo allora sarà rivelato l’empio e il Signore Gesù lo distruggerà con il soffio della sua bocca e lo annienterà all’apparire della sua venuta, l’iniquo, 9 la cui venuta avverrà nella potenza di satana, con ogni specie di portenti, di segni e prodigi menzogneri, 10 e con ogni sorta di empio inganno per quelli che vanno in rovina perché non hanno accolto l’amore della verità per essere salvi. 11 E per questo Dio invia loro una potenza d’inganno perché essi credano alla menzogna 12 e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all’iniquità

 

Nel testo paolino è scritto chiaramente che il “figlio della perdizione” che siederà  nel tempio (trono) di Dio grazie a ogni sorta d’inganno, richiamando così quel complotto con cui Ela fu spodestato. Quel “figlio della perdizione”, quindi, usando il passo di 1Re 16,9-10 come metafora, insidierà il legittimo erede, cioè il Figlio di Dio, con l’apostasia, la quale però avrà tutte le caratteristiche del complotto, cioè di un complotto anticristico, perchè sarà l’anticristo in persona a tramarlo.

Dunque, se la ghematria ha ottenuta la vostra fiducia e la considerate non dico scienza, ma certamente utile ad aprire i passi ancora oscuri delle Scritture, essa vi ha messo di fronte la chiave per comprendere quel mysterium iniquitatis di cui adesso conosciamo  l’intento e i mezzi, oltre che il dispregiativo con cui noi da sempre lo abbiamo bollato: una infernale pastetta anticristica che serpeggia dentro la cristianità tutta, dalla sua base fino ai suoi vertici, pastetta che lascia sempre confuso il gregge delle anime belle, pronto come sempre a vedere le magnifiche vesti di un re nudo figlio della perdizione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.