“Settanta volte sette”, l’anno del perdono

ioiachinNel post precedente ci siamo occupati della genealogia matteana che secondo noi ha, più ancora di quella genealogica, una funzione storica, volendo fissare le date fondamentali dei regnanti di Giuda.

La tabella che ne è uscita fuori non comprende tutto le voci associate all’elenco stilato da Mt 1,6-12, ma lascia alcune di quelle voci in sospeso. Tra queste quella di Ioiachin, perchè il calcolo condurrebbe o al 505 a.C. o al 490 a.C., entrambe date di difficile comprensione alla luce della storia di quei tormentati tempi (nel 505 a.C. era regnante Sedecia e lui fu portato in esilio; mentre il 490 a.C. sembrerebbe oscuro nella vita di Ioiachin).

Tuttavia dopo una riflessione più profonda ci siamo resi conto che effettivamente potrebbe essere che il 490 a.C. e conseguentemente il 505 a.C. riconducano proprio all’esperienza di Ioaichin in esilio dal 516 a.C. (secondo noi settimo anno di Nabucodonosor che segna l’intervento contro Gerusalemme).

Ciò ci è permesso dalla sorte da lui (Ioiachin) condivisa con Ezechiele, anch’egli esiliato, il quale data il 490/89 a.C. come anno di una sua visione. Ezechiele ci dice che quello era il ventisettesimo anno dalla deportazione (Ez 29,17) che era quindi avvenuta, stando alla cronologia del blog, negli anni 517 a.C. (assedio) e 516 a.C. (presa di Gerusalemme).

Se togliamo, come indica Ezechiele, 27 anni al 517/16 a.C. otteniamo il 490/489 a.C. e ciò permette la coincidenza con il calcolo generazionale, perchè Ioaichin si colloca nella quattordicesima generazione (vedi tabelle sotto) stando all’elenco matteano, per cui se una generazione conta 35 anni otteniamo un preciso 490 e dunque la coincidenza tra il calcolo generazionale e il riferimento cronologico della tabella in calce è evidente.

Come avrete già capito questo ci obbliga a immaginare che laddove 2Re 25,27 scrive trentasette, anno della grazia fatta da Evil-Merodack a Ioiackin, in realtà in origine fosse scritto ventisette. Tutto ciò potrebbe apparire una forzatura se non avessimo un preciso punto di riferimento in Ezechiele, ma non è così perchè il profeta data proprio una sua visione nel ventisettesimo anno, cioè nel 490 quando 490 è anche il lasso di tempo descritto dalle quattordicesima generazione moltiplicata per 35 anni.

A tutto questo credo vada aggiunto un particolare estraibile dai Vangeli, in particolare quello di Mt 18,22 in cui si riporta la parabola del servo spietato o del perdono che deve essere illimitato, cioè “settanta volte sette”, come dice Gesù stesso, anche se quell’illimitato, quella “cifra tonda”, spesso appare una spiegazione troppo generica (vedi ad esempio CEI 2008 che interpreta laconicamente e sbrigativamente “sempre”)

A mio parere quella parabola cita proprio il contesto descritto da 2 Re 24,12 in cui leggiamo della grazia concessa a Ioiachin nell’anno che per le ragioni sopra esposte potrebbe essere il 490 a.C, cosicchè “settanta volte sette” non è solo una locuzione sulla pienezza del perdono, ma è anche una precisa cifra, cioè 490 (anni e anno) e per questo credo che nei Vangeli si riproponga, a un uditorio certamente non dimentico, l’esperienza ancora viva di Ioiachin presa a modello per un perdono illimitato e gratuito, tranne però l’eccezione prevista da Gesù stesso: la bestemmia contro lo Spirito Santo.

Del resto il testo di Mt 18,25 non ci propone un re? Quel re non consegna ai carcerieri l’uomo sua moglie e i suoi figli come avvenne, in un certo senso,  a Ioiachin (2Re 24,12)? Tutto questo non ci dice che oltre alla perfetta coincidenza dei numeri (490) c’è anche una precisa eco dei fatti avvenuti ai tempi di Ioiachin nei Vangeli? Io credo di si, come credo che Gesù abbia preso a modello un fatto storico particolare e ancora vivo nella memoria per spiegarci l’universale, cioè il perdono cristiano.

Parzialmente convinti, crediamo di aver aggiunta una voce alla tabella del post precedente, la quale riproponiamo con l’aggiunta della nota legata alle vicende di Ioaichin, graziato da Evil-Merodack assieme al suo popolo e per questo Matteo lo riporta nelle sue generazioni, perchè quella grazia, quel perdono non segnarono solo la vita di un re, ma di un intero popolo certamente non dimentico del fatto.

RE ANNO DI NASCITA E DI MORTE REGNO GENERAZIONI  AMMONTARE DI ANNI RIFERIMENTI CRONOLOGICI
DAVIDE 1019-949 989-949 28° 1018 a.C. anno sabbatico e giubilare
SALOMONE 960-909 949-909 27° “ 27×35=945         945 a.C. si gettano le fondamenta del tempio

945+15a.C.=960 a.C. nasce Salomone. Undicenne è unto re

ROBOAMO G. 950-891 909-891 26°  26×35=910 910/9 a.C primo anno di regno.
ABIAM G. 891-889 25° 25×35=875 875+15 a.C.=890/1 a.C. primo anno di regno
ASA G. 889-847 24°
GIOSAFAT G. 882-824 847-824 23°
JORAM G. 856-816 824-817 22°
OCOZIA G. 839-816 817-816
ATALIA G. 816-809
JOAS G. 816-770 809-770
AMASIA G. 820-728 770-728
OZIA G. 744-674 728-674 21°
JOTAM G. 699-659 674-659 20° 20×35=700 700/699 a.C nasce Jotam.
ACAZ G. 679-644 659-644 19° 19×35=665 665+15 a.C.=680/679 a.C. nasce Acaz
EZECHIA 669-615 644-615 18° 18×35=630 630+15 a.C.=645/644 a.C. Ezechia unto re
MANASSE G. 627-560 615-560 17°
AMON G. 582-558 560-558 16° 16×35=560 560 a.C. Amon unto re
GIOSIA G. 566-527 558-527 15° 15×35=525 525+15 a.C=540 a.C. 18° anno di regno: la grande Pasqua di 2cro 35,19
JOACAZ G 550-527 527-527
JOACHIM G. 552-… 527-516
JOACHIN G. 534-… 516-516 14° 14×35=490 490/89 a.C. Ioiachin graziato 2Re 25,27

490/89 a.C. visione di Ez 29,17

490+15 a.C.=505 esilio babilonese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.