La Storia dei pagani

Un adagio latino recita “o tempora, o mores!” per esclamare la difficoltà dei tempi. In qualche maniera la Bibbia, per bocca di Gesù, lo ripete, sebbene riferito ai tempi dei pagani (Lc 21,24). Io credo però, che vi sia una differenza di fondo, cioè qualcosa che va oltre l’ovvio. Se infatti nel primo si stigmatizzano i tempi e i costumi, nel secondo entra in scena la storia, la storia dei pagani. Cos’è questa storia dei pagani? Se la storia vorrebbe essere, divisa com’è in avanti Cristo e dopo Cristo, cristocentrica, la storia dei pagani non può che negare la centralità di Gesù nella storia umana. In apparenza tale centralità è ancora vigente, ma la sostanza, priva com’è di coordinate storiche certe, la nega. Al momento, infatti, l’esegesi non è in grado di fornire un’anagrafe certa di Gesù, tanto che la sua storicità si perde nel dedalo dei conti e delle ipotesi, così che spesso facciamo i conti con i pochi elementi certi, ma non sufficienti perchè si possa scorgere una solida base base storica che giustifichi una religione. Non è il caso di affrontare dettagliatamente la contraddizione cattolica, dove un Papa (Ratzinger, cioè la Tradizione) indica l’anno della croce nel 33 d.C., a fronte di un’esegesi, sempre cattolica, che invece indica il 30 d.C. ; come non è il caso di citare la cronologia della Watch Tower che vorrebbe aver descritti i tempi dei gentili; mentre è il caso di ricordare che se non bastano “gli usi e costumi” corrotti per inquadrare la storia dei pagani, non basta neppure una cronologia propria, se quella stessa non trova conferma nelle Scritture. Di certo i tempi (la storia) sono pagani  -almeno così la pensa chi scrive- ma questo non perchè anche io ho una mia cronologia, ma solo perchè questo blog che la accoglie ha anche gettato le basi per una lettura ghematrica di Apocalisse, opera che non sfugge al genere di cui fa parte e che dunque ha, più o meno nascostamente, l’elemento che qualifica il genere stesso: la periodizzazione della storia. Ciò che fa emergere quell’elemento -lo abbiamo visto- è la ghematria. In particolare Ap. 12,9 in cui leggiamo οφις (serpente) e Σατανας (Satana), i cui rispettivi valori ghematrici sono 586 e 559, ossia il 586 a.C. e il 559 a.C. se Apocalisse non sfugge a un genere che periodizza la storia. E infatti il 586 a.C. è indicato come data dell’esilio babilonese; mentre il 559 a.C. è indicato come primo anno di regno di Ciro. Quelle due date sono assoluti cardini (date assolute, appunto) della cronologia secolare, ma la ghematria ci parla di serpente e Satana, ci parla cioè -con certezza- di tempi/storia pagani, tanto è vero che essi scardinano l’originale cronologico biblico, che invece questo blog ha ricostruito e restituito alla storia. Potremmo dire allora che la Watch Tower “aveva ragione” parafrasando il Keller, ma non è così, perchè lo abbiamo detto: non è con una cronologia alternativa che si strappa il consenso della Scrittura. Essa rifugge dall’estraneità, qualora questa non trovi il suo consenso.Dunque è necessario che il tessuto cronologico dell’alternativa sia della stessa natura biblica. Abbiamo fatto riferimento alla ghematria, la quale è, al pari della periodizzazione della storia, un elemento fondante del genere apocalittico, quando Apocalisse non solo appartiene a al genere citato, ma appartiene pure al canone biblico. Questo rende possibile una stessa natura qualora volessimo fare della ghematria la prova della scritturalità di una cronologia, qualora cioè cercassimo una prova della sostenibilità biblica di un percorso cronologico. In apertura del post parlavamo della centralità del Cristo nella storia e dunque questa deve essere la prova di una cronologia che non rispecchi, ma rifugga, i tempi dei pagani, la storia pagana cioè, che certamente non ha Gesù al centro. Abbiamo altresì visto che quella stessa storia pagana ha invece οφις e Σατανας come cardini (date assolute), per cui una storia cristocentrica non solo deve smentire la prima, cioè quella pagana, ma provare la centralità di Gesù. La cronologia di Dio (intendo anche tutto il materiale che via via si è aggiunto) è per sua natura cristica, perchè non solo prende le mosse dal Nuovo Testamento, ma ricostruisce un originale cronologico biblico che ha proprio nell’anagrafe di Gesù il suo perno. A tutto ciò però si aggiunge qualcosa che la rende unica: il 486 a.C. come trentasettesimo anno di regno di Nabucodonosr, ossia la datazione esatta del VAT 4956. Che sia quell’esatta lo capiamo non solo dal contesto ultra millenario che l’intero impianto cronologico descrive senza perdere mai di coerenza e linearità, ma anche è più dalla ghematria che abbiamo detto essere l’elemento che àncora la lettura della storia biblica alla Bibbia stessa. 486 è infatti il valore ghematrico di υιος (figlio maschio, Ap. 12,5), quello stesso che la Donna vestita di sole partorisce in un contesto drammatico: di fronte al drago. La Tradizione ha sempre visto nella Donna e nel Bambino, Maria e Gesù, per cui se una cronologia ha il suo cardine nel 486 a.C. -ricordando che il valore numerico è lo stesso del valore ghematrico di υιος – tale cronologia è quella cristocentrica, quella perfettamente in sintonia con la Scrittura, essa stessa annunciatrice di Cristo con i profeti. Tale cronologia è solo la cronologia di Dio: nessun’altra conduce al Figlio, nessun’altra conduce il Figlio al centro della Storia permettendo il parto di nuovi tempi, nuova cronologia e nuova Storia, mettendo così fine ai tempi dei pagani che vorrebbero proporre al centro di quella stessa storia un mito, cioè qualcuno o qualcosa completamente disancorato da qualsiasi contesto storico e cronologico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.