L’inganno di Tolomeo

tolomeoNel 1977 usciva “il crimine di Tolomeo” con cui R. Newton denunciava “la truffa di maggior successo nella storia della scienza”. Con Newton si poneva, quindi, una pietra miliare nel lento ma costante sviluppo di una tradizione di studi di cui Fomenko ha raccolto il testimone essendone adesso il protagonista principale.

Molti sarebbero gli aspetti concordanti tra lo studio di Newton e il mio, ma uno è veramente importante: la lista dei sovrani babilonesi che lo studioso dimostra falsa. Fino ad ora era possibile solo la denuncia di totale infondatezza, ma con la cronologia di Dio è presente adesso anche una precisa alternativa alla sequenza che regola la dinastia babilonese.

La cronologia di Dio dimostra che non solo Tolomeo è capace di fornirci i tempi di quella dinastia, ma anche la Bibbia ed essa lo fa con una cronologia totalmente diversa, denunciando, così, anch’essa il falso, il crimine di Tolomeo, solo che essa offre una precisa, valida alternativa: questa è la novità.

Il crimine di Tolomeo si è consumato con un’arma ben precisa: il 586 a.C. che data la presa di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor. Tale data, sulla scorta delle osservazioni astronomiche di Tolomeo, si ricava dal 37° anno di regno di quel re che la scienza crede di datare nel 567 a.C. in maniera certa. Tuttavia la Bibbia indica senza ombra di dubbio che quello stesso anno di regno fu il 486 a.C. offrendo appunto un’alternativa e una ragione d’essere alle critiche di Newton.

Per chi ha un minimo di conoscenza del problema è facile capire la questione: se il 37° anno di regno fu il 567 a.C., il 19° anno fu il 586 a.C. Tutto questo emerge dal VAT 4956 che descrive l’eclissi di riferimento per i calcoli. I dati con cui è stata calcolata quella eclissi, però, sono falsi e dunque il risultato è esso stesso falso. Non per niente lo stesso Newton ha denunciato che assumendoli la costante D che regola il moto lunare impazzisce e nessuno finora è stato in grado di spiegare perchè.

L’alternativa biblica ha ben altri dati: il 37° di nabucodonosor fu il 486 a.C. e il suo 19° anno di regno fu il 505 a.C. Tali date, per altro, sono inserite in un percorso cronologico lineare e coerente di oltre mille anni, percorso che ricostruisce l’originale cronologico biblico dal 70 d.C. a Davide. Ma c’è di più e altrettanto importante.

La denuncia del falso ha la firma importante di Newton e Fomenko, oltre che la mia. A queste si aggiunge quella di un apostolo: Giovanni, che nella sua opera più impegnativa conferma tutto, se la ghematria è un elemento fondante della letteratura apocalittica, affermazione che non nasce dalle mie competenze, ma da quelle degli esegeti quali Ravasi, elemento di spicco dell’esegesi cattolica e dunque internazionale.

Giovanni in Ap. 12,9 ci offre tre sostantivi e un nome proprio che convalidano pienamente la denuncia del falso, lettura ghematrica che io ho riassunta ne la cronologia di Dio alla luce della ghematria. In particolare di Ap. 12,9 ci interssa οφις (serpente) che ghematricamente equivale a 586, quello stesso 586 che data l’esilio e il 19° anno di regno di Nabucodonosor secondo Tolomeo.

Quell’οφις ci dice che la versione dei fatti è contraffatta, seppure costringa a prendere in seria considerazione la fede e a considerare Apocalisse un testo apocalittico nel senso pieno, cioè profetico, di rivelazione delle cose future. E’ un passo che non si può imporre di fare. Si può solo far notare come la scienza antica (la ghematria) confermi pienamente quella nuova, quella cioè che ha guidato i contenuti della denuncia di Newton. Insomma se non si vuole o non si può credere alla profezia di Giovanni, si creda a Newton e a tutta quella tradizione di studi scientifici che a lui hanno fatto seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.