I pilastri del mondo

Essersi addentrati nel simbolo riguardo a Giovanni (l’aquila) non è senza conseguenze. Abbiamo visto che il significato principe è la capacità di scorgere il futuro. Dante riassume ciò con la possibilità dell’apostolo di fissare il sole senza rimanere abbagliato. Ma se quel sole è il sole dell’avvenire, il futuro, significa che Giovanni non subisce danno, cioè non corre il rischio di confondersi ed essere così smentito, quando ci indica la storia a venire. Questa sua prerogativa di guardare “oltre” diviene nella sua opera capacità e potenza profetica, come abbiamo mostrato nel link.

Per questo possiamo dire che se Pietro è la roccia del governo della Chiesa, Giovanni l’aquila – dall’alto della sua rupe- è il guardiano della Storia; e se Pietro è il tattico, Giovanni è lo stratega, perché l’unico capace di una necessaria, indispensabile visione globale del campo di battaglia: il mondo e la sua storia.

Non a caso è proprio Giovanni che nella sua Prima lettera che definisce il mondo, sebbene lì ne dia un’interpretazione consona allo spirito di una lettera, la quale vuole riferirsi al mondo che c’è in ognuno di noi e che deve essere combattuto. Tuttavia nella sua Apocalisse, quello stesso mondo diviene Storia ed assume una rilevanza universale.

Abbiamo più e più volte affrontato Ap. 12,9 e quei tre sostantivi e il nome proprio lì elencati l’uno di seguito all’altro. Abbiamo anche visto come essi siano traducibili ghematricamente in precise date della cronologia secolare: il 586 a.C. (ofis); il 559 a.C. (satanas); il 931 a.C. (drakos) e il 731 a.C. (diabolos).

Queste date impediscono qualsiasi ricostruzione biblica della storia cristiana. Esse sono addirittura indicate come assolute se consideriamo il 586 a.C. (anno dell’esilio babilonese) e il 559 a.C. (primo anno di regno di Ciro). Ma queste date appena citate sono solo due dei quattro pilastri su cui si regge il secolo, si regge il mondo. I primi due sono crollati, avendo dimostrato che le date che essi rappresentano sono frutto di calcoli privi di ogni valore, perché derivanti da un approccio totalmente infondato: conti di seconda mano e per giunta sbagliati, forse addirittura manomessi (vedi qui).

Gli altri due pilastri vacillano, perché quel 586 a. C. è dimostrato che può biblicamente essere impugnato con il 505 a.C. de La cronologia di Dio; mentre per il 559 a.C. dobbiamo dire che nessuno nega l’esistenza storica di Ciro, solo che si afferma quel re non ebbe nessun ruolo nelle vicende dell’esilio e che verosimilmente la sua presenza nel testo biblico è frutto di una manomissione. Abbiamo, infatti, una cronologia millenaria lineare, coerente e armonica che prova ciò (quella riassunta nel link poco sopra) e una prova archeologica, storica: il Cilindro dello stesso Ciro, con cui egli ci ha consegnato l’elenco dei popoli da lui liberati nel 538 a.C.. In quell’elenco gli ebrei non risultano e dunque, a fronte di una cronologia che esclude Ciro, abbiamo che Ciro esclude gli Ebrei.

E’ facendo forza, assaltando quelle due roccaforti ancora in piedi ed espugnandole che il mondo di cui ci parla Giovanni crollerà e la Storia diverrà nuovamente cristo-centrica. Sarà una battaglia dura che coinvolgerà simbolicamente “Pietro” (il tattico) e Giovanni (lo stratega). Al primo il governo e la disciplina dell’esercito, nonché il corpo a corpo; al secondo le scelte strategiche già evidenziate. A Pietro dunque il fortino sulla roccia; a Giovanni quello sull’altissima rupe, l’unico luogo che permette – come ho detto- la necessaria, indispensabile visione d’insieme. Solo così i due pilastri del mondo ancora in piedi crolleranno.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.